A Sassuolo una mostra sulle devozioni mariane

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 30 settembre

La Confraternita della Madonna delle Grazie, appartenente alla chiesa di San Giorgio di Sassuolo, organizza quest’anno una mostra dal titolo “Le devozioni mariane nel territorio”. Si tratta di una dozzina di pannelli che testimoniano la lunga e consolidata tradizione alla devozione a Maria, chiamata con vari titoli, nel territorio di Sassuolo, Fiorano Modenese, Villalunga, Castellarano.
è la prima volta che la Confraternità “esce allo scoperto” con un’iniziativa pubblica; pur esistendo da lungo tempo – probabilmente è sorta intorno al 1500 – le consorelle si sono sempre limitate all’attività precipua di ogni confraternita: preghiera, in questo caso mariana, partecipazione a eventi religiosi, a celebrazioni, processioni e carità.

Questo è un piccolo gesto dal duplice intento culturale e devozionale; ripercorrendo la storia del territorio della valle del Secchia si trovano tanti episodi in cui la popolazione è ricorsa a Maria Santissima come prima e anche ultima risorsa davanti a catastrofi naturali, guerre, malattie, problemi personali.
Ciò è testimoniato sì dai numerosi ex-voto che ogni santuario espone, ma anche dalla storia dei dipinti di queste Madonne un po’ viaggiatrici. Qualcuna ha risalito il fiume, altre sono passate da muri a chiese, a palazzi comunali, ma nessuna ha lasciato del tutto il luogo dove tanti fedeli e pellegrini continuano ancora oggi a sostare per una preghiera.
La mostra sarà inaugurata sabato 7 ottobre alle ore 17 da monsignor Tiziano Ghirelli e sarà visitabile per tutta la domenica 8 ottobre. La mostra è esposta nella chiesa di Sant’Anna, in via Felice Cavallotti, vicina all’asilo omonimo.

Per tutta la settimana seguente sarà visitabile previo appuntamento e si concluderà sabato 14 ottobre con il santo Rosario alle ore 17 e l’esibizione del Coro di San Giorgio.
Un’occasione per meditare, pregare, imparare, osservare da vicino questi bei volti di Madonne antiche, a volte un po’ rozzi ma dallo sguardo buono di Madre che ha accompagnato da sempre la nostra gente nelle fatiche e nelle difficoltà.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura