13 parrocchie, unica missione

Stampa articolo Stampa articolo

Celebrato venerdì 22 settembre con la presidenza del Vescovo l’ingresso del parroco, don Rostkowski, e del collaboratore pastorale don Vandelli

Venerdì 22 settembre, a Ciano, l’unità pastorale delle parrocchie del territorio di San Polo d’Enza e Ciano d’Enza ha celebrato l’ingresso di don Bogdan Rostkowski come parroco, e di don Mauro Vandelli, come collaboratore che si affianca a monsignor Pellegrino e a don Franco. La notizia era già stata diffusa nel giugno scorso, quando erano state comunicate alle comunità interessate e alla Diocesi le nomine per il nuovo anno pastorale e noi siamo ora testimoni di un cambiamento impensabile solo qualche decennio fa: don Bogdan parroco di ben 13 parrocchie e tutti noi fedeli di un’unica unità pastorale!
Tale cambiamento è frutto di una preparazione di almeno una quindicina di anni, da quando monsignor Pellegrino Tognoni divenne amministratore parrocchiale di Casale e Grassano. Era il 2004. Nacque quindi la prima piccola unità pastorale che rispecchiava il territorio comunale di San Polo. Poi don Vasco Rosselli dal 2010 è stato parroco di Ciano, Rossena, Ceredolo de’ Coppi, Roncaglio, Selvapiana, Monchio delle Olle e Pianzo. Dal 2014 è stato anche amministratore parrocchiale a Canossa. (Clicca e guarda tutte le foto)

Nel frattempo, nel 2013, a monsignor Tognoni erano state assegnate Borzano, Compiano e Vedriano, cedute nel 2016 a don Bogdan insieme a Roncaglio, Monchio e Selvapiana. E per finire, oggi le parrocchie che sorgono nei comuni di San Polo e Canossa hanno vissuto le trasformazioni diocesane che hanno disegnato 60 unità pastorali, suddivise in 11 vicariati.

Leggi tutto l’articolo di Lavia Di Sabatino su La Libertà del 30 settembre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana