Una nuova stampante 3D all’Istituto “Einaudi” di Correggio

Stampa articolo Stampa articolo

Gruppo Gomma Materie Plastiche di Unindustria dona stampante 3D all’Istituto “Einaudi” di Correggio. Un ulteriore traguardo nella partnership che, da quasi dieci anni, le imprese associate del settore gomma plastica e la scuola correggese portano avanti.

Il Gruppo Gomma Materie Plastiche di Unindustria Reggio Emilia ha donato una stampante 3D professionale all’Istituto tecnico “Einaudi” di Correggio, che da tempo veniva indicata come una priorità dagli insegnanti tecnici della scuola.

Si tratta di un ulteriore traguardo nella partnership che, da quasi dieci anni, le imprese associate del settore gomma plastica e la scuola correggese portano avanti.

Dopo la donazione di una pressa da parte dell’azienda Negri Bossi nel 2014, l’attenzione del GMP  a supporto dell’attività didattica dell’indirizzo meccano-plastico è stata esponenziale.

Personale esperto di aziende associate ad Unindustria ha fornito il proprio supporto nelle lezioni tecnico specialistiche dei docenti e, primo caso in Italia, è stato realizzato insieme un libro di testo specifico (due volumi per le classi III e IV).

Quest’ultima donazione riguarda uno strumento prezioso e di ultimo modello, con dotazione di bobine colore, che arricchisce in maniera sostanziale la dotazione a disposizione del corso meccano-plastico e dunque degli studenti che frequenteranno il triennio negli anni a venire.

Sono già in corso giornate di formazione per l’utilizzo della stampante ed anche un incontro di progettazione didattica dedicata all’integrazione con la stampante stessa.

“Questa attrezzatura innovativa è un esempio di quanto il GMP e Unindustria Reggio Emilia investono nei giovani e nell’avvicinamento tra scuola e  imprese – afferma Ivano Parmigiani, Presidente del Gruppo Gomma Materie Plastiche – Consideriamo l’Einaudi un asset non solo del settore gomma plastica, ma di Unindustria, proprio per l’incidenza che questa collaborazione ha per il mantenimento del know-how sul territorio, la sopravvivenza delle aziende e la tenuta occupazionale. Credo non sia casuale l’aumento delle iscrizioni al corso meccano-plastico verificatosi negli ultimi anni e questo ci dà enorme soddisfazione”.

La dirigente scolastica Cristina Marchi, in un’ottica di sinergia e di visione del futuro condivisa, ha annunciato la disponibilità degli spazi e degli strumenti dei laboratori Einaudi per le  eventuali necessità di impiego delle aziende: “Questo è l’ennesimo gesto di rinnovato impegno concreto, che conferma la grande attenzione del GMP verso il tema della formazione dei giovani e la puntuale sensibilità nei confronti del nostro prezioso triennio meccano-plastico. Rappresentare un patrimonio di competenza e sapere per le imprese del territorio correggese e provinciale, ci riempie di orgoglio e ci sprona a mantenere costante l’approccio innovativo e attento alle esigenze del mondo reale che fino ad oggi ci ha contraddistinto”.

Pubblicato in Articoli, Associazioni