A Reggio Emilia Agripride, meeting internazionale dedicato all’Agricoltura

Stampa articolo Stampa articolo

Oggi al centro dell’Area vasta emiliana con una filiera agroalimentare che dalla produzione al consumo genera più del 50% del Pil, domani cuore dell’Agri Valley italiana che attrae investimenti, cammina su ricerca e impresa, crea nuova occupazione e prodotti, cultura del paesaggio e dell’ambiente, sostenibilità. E’ Reggio Emilia (173.000 abitanti), la città, la comunità urbana che vuole rimettere l’Agricoltura al centro della strategia di sviluppo sostenibile del proprio territorio. Una svolta innovativa, su radici solide, una Competenza distintiva vissuta con orgoglio, identitaria e generatrice di un futuro che supera il luogo comune della cesura città/campagna e che risolve la dicotomia dolorosa tra polo onnivoro di sfruttamento (la città) e spazio mero fornitore di beni di consumo (la campagna), donando una inusuale osmosi di progetti, realizzazioni, nuova dignità e speranze.

Questo l’obiettivo, ambizioso e possibile, di un percorso che inizia con Agripride, meeting completamente dedicato ai temi dell’Agricoltura, dell’Alimentazione e dell’Ambiente, a Reggio Emilia il 29, 30 settembre e 1° ottobre, con la partecipazione del ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina, realizzato dal Comune di Reggio Emilia insieme ai partner scientifici Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e Centro ricerche produzioni animali (Crpa), in collaborazione con i Consorzi del Parmigiano-Reggiano, Consorzio dei Vini, dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia e le Associazioni del mondo agricolo Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Confcooperative, Legacoop, Agci, Ugc-Cisl. Partner tecnico per l’organizzazione il Future Food.

Comunità e sapere sono globali, quanto lo è la matrice, comune a tutti i popoli, del sostentamento, della cura dell’ambiente e della coltura della terra. Reggio Emilia ne è consapevole e vuole rendere partecipe la comunità internazionale dell’esperienza di ascolto, studio e confronto fra esperti internazionali che avverrà in Agripride, raccogliendo conclusioni e proposte in un Libro bianco che sarà presentato in occasione del G7 dell’Agricoltura a Bergamo il prossimo ottobre.

Tutte le attività che si svolgeranno in queste giornate, dal workshop con ospiti nazionali e internazionali, alla cena contadina allestita con tanto di pittoresche balle di fieno all’interno della scenografica cornice dei Chiostri di San Pietro vogliono segnare l’avvio di una vera e propria politica strategica e caratterizzare Reggio Emilia come eccellenza agricola, in un momento in cui tutta la regione Emilia-Romagna è al centro del dibattito sui temi dell’agroalimentare.

Il rapporto con il territorio, che a Reggio Emilia viene considerato naturale, è distintivo perché qui il cibo, così come il sapere e il lavoro che lo produce, è identitario. Questo può essere vero anche per altre città, ma è la combinazione di identità e valore che rappresenta la vocazione Agro di Reggio Emilia. Questo è il ‘nocciolo duro’ di ciò che si declina nella way of life reggiana, che la città delle tre A – Agricoltura, Alimentazione e Ambiente – ha proposto con successo a Expo Milano 2015 e che comprende altre eccellenze quali Educazione, Meccanica e Meccatronica, Energie rinnovabili.

Competenze, queste, che inevitabilmente convergono nell’Agricoltura. Il capoluogo emiliano affonda le radici in una terra ricca e fertile, strappata all’acqua prima dalla natura, con i detriti portati dal Po, poi dall’uomo, con la cura e la trasformazione del territorio attraverso imponenti cicli di bonifiche dall’Età romana al Novecento. La tradizione contadina ha generato poi cultura industriale, con l’applicazione della meccanica all’agricoltura, unendo tradizione e innovazione. Reggio Emilia è anche educazione all’alimentazione consapevole fin dalle sue Scuole dell’Infanzia celebri nel mondo e attraverso una fitta rete di Orti urbani autogestiti con prodotti a chilometro zero; è ricera e formazione nell’Agroalimentare grazie a Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Crpa e Istituto agrario nella scuola secondaria di secondo grado; è rispetto dell’ambiente in una chiave civica con una raccolta differenziata dei rifiuti verso il 70% ed una rete di piste ciclabili di 210 chilometri (la più estesa in Italia in rapporto al numero diabitanti); è scelta politico-amministrativa con la riconversione – caso unico in Italia – alla destinazione agricola, attraverso una specifica variante urbanistica, la Variante in Riduzione, di un milione e 350.000 metri quadrati di terreni, corrispondenti al 30% delle previsioni residenziali per nuove aree edificabili. Il 76% del territorio comunale di Reggio Emilia è a vocazione rurale e di questo il 78% cento è coltivato, nella fascia periurbana, da 1.100 aziende.

Da queste parti, dove è immediato il contatto con ambienti e paesaggi diversi dalle praterie che accompagnano il Po ai boschi del Crinale appenninico, si vivie con gioia la convivialità e il piacere del gusto, della sapienza nell’alimentazione. Per dirla con le parole di Francesco Guccini, qui si sa “dov’è il sugo del sale”, cioè quel che conta e che vale. Sarà anche per questo che Reggio Emilia è al top per dotazione di verde fruibile, per la gestione dell’acqua e per il risparmio delle risorse naturali.

Reggio Emilia mira dunque ad essere insieme polo attrattivo nevralgico della Food Valley Emilia-Romagna, cuore pulsante dall’agricoltura della regione, modello di città che conosce e rispetta il valore delle cose dal consumo al riciclo, dalla produzione alla distribuzione. Ma anche punto di riferimento internazionale per le Politiche agricole, modello di buone pratiche da esportare in tutto il mondo. Priorità per il raggiungimento di questi obiettivi è la creazione di un Piano di sviluppo rurale/agricolo locale, che permetta la sinergia tra i bisogni della città e quelli delle aree rurali. Un approccio top down, con interventi mirati a guida degli investimenti e un approccio bottom up che costruisce la fiducia con la rete sociale e con gli abitanti del mondo rurale in primis permettendone lo sviluppo.

PROGRAMMA

VENERDI’ 29 SETTEMBRE

– Workshop accademico: Smart Agro Food Cities

Durante la mattina di venerdì 29 settembre, dopo i saluti di Simona Caselli, assessora all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Emilia-Romagna, docenti, esperti nazionali e internazionali, provenienti dai 7 Paesi del G7, gli studenti del Food Innovation Program e del Future Food Lexicon Lab, prenderanno parte alla conferenza accademica per confrontarsi sul tema delle Smart Agro Food Cities sviluppando un concetto di filiera estesa e il rapporto tra la campagna e la città.

SABATO 30 SETTEMBRE

Dalle ore 10 alle ore 13, Chiostri di San Pietro

– Conferenza “Ripartiamo dal primario, strategie di sviluppo per città resilienti e sostenibili”

Modera Patrizio Roversi

Saluti di Luca Vecchi sindaco di Reggio Emilia

Interviene: Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali (MIPAAF)

La conferenza con tavola rotonda ha l’obiettivo di discutere come implementare le raccomandazioni che saranno emerse dal workshop accademico “Smart Agro Food Cities” nel contesto di Reggio Emilia. Alla conferenza verranno infatti coinvolti gli enti territoriali (Comune, Provincia, Regione, MIPAAF), le associazioni di categoria, la Camera di Commercio, il sindaco di Digione François Rebsamen (la capitale della Borgogna è fra l’altro un importante centro agricolo e alimentare ed è gemellata con Reggio Emilia), e tutti i soggetti interessati che si occuperanno di portare sul territorio reggiano le linee guida prodotte dal workshop lavorando sui seguenti obiettivi: clima imprenditoriale, forza lavoro, sviluppo della città, territorio rurale e infrastrutture. Tutto questo sarà poi ufficializzato grazie alla stesura di un Libro Bianco che sarà presentato a Bergamo in occasione del G7 dell’Agricoltura il 14 e il 15 ottobre 2017.

Dalle 17:30 alle 19:30, Chiostri di San Pietro

– Contadinner

Per la prima volta a Reggio Emilia, nel Chiostro grande di San Pietro, arriva la Contadinner di Vazapp. Un’agorà che mette storie e persone al centro, nata per accogliere giovani che, grazie alla relazione e allo scambio di sapere, possono diventare fermento e stimolo per la comunità. Un’occasione di confronto dove gli agricoltori siedono insieme e condividono con un pubblico più vasto storie e preoccupazioni, ma anche le loro aspirazioni e prospettive, con l’obiettivo di ispirare i giovani a investire nella carriera agricola.

Dalle 19:30

Chiostri di San Pietro

– Apericena

Il Chiostro grande di San Pietro sarà aperto al pubblico per un’apericena accompagnato da videomapping con proiezioni video sulle pareti dell’edificio in tema e dal concerto dei Violini di Santa Vittoria, che con lo spettacolo Denominazione di Origine Popolare animeranno la seconda parte della serata.

DOMENICA 1° OTTOBRE

Piazza della Vittoria

Così nasce il Re dei formaggi

L’arte antica della cottura a legna di una forma di Parmigiano-Reggiano.

La nascita di una forma nella narrazione di gesti e saperi, regina della scena è una tradizionale caldaia dove si sviluppa la caseificazione.

 

Pubblicato in Articoli, Associazioni