Miracoli dal cielo. E sulla terra

Stampa articolo Stampa articolo

Circa 800 persone si sono radunate in piazza del Popolo per ascoltare la storia di Annabel, risanata da Gesù, e le riflessioni offerte dal parroco, don Sacchetti

Cos’è un miracolo? Un evento straordinario che la natura e la scienza non riescono a spiegare. E questo è certamente il caso occorso ad Annabel Beam, oggi quindicenne, che aveva quattro anni quando le è stata diagnosticata una pericolosa disfunzione cronica e ne aveva nove quando, dopo una caduta accidentale che di suo avrebbe potuto ucciderla, ne è risultata del tutto risanata. Ma i miracoli non vengono solo “from heaven”, cioè dal paradiso, come recita il titolo di un libro e di un film che stanno riscuotendo un meritato successo planetario: sulla terra, intorno a noi, ne accadono ogni giorno: sono i gesti di amore silenziosi, le persone che si offrono gratuitamente di dare una mano per rendere meno difficile la vita a qualcun altro, sono le famiglie che di fronte al serio problema di salute di un figlio resistono alla tentazione di sfasciarsi e portano insieme la croce. Ecco, saper vedere questi miracoli, la fedeltà di Dio alla nostra storia tribolata, è la lezione più grande e vicina proveniente dall’incontro pubblico di testimonianza che si svolge a Rubiera nel dopocena di martedì 12 settembre.

Un’invenzione, l’ennesima, di don Carlo Sacchetti, parroco dell’unità pastorale, coadiuvato da don Stefano Manfredini e da don Ermes Macchioni, che prendono posto insieme a circa 800 persone davanti al palco e al maxischermo montati in piazza del Popolo. A pensarci questo, se si dà il giusto peso ai dati, è un altro piccolo grande miracolo: ritrovarsi per parlare di cose di lassù, non di politica; di eterno, non di attualità; insieme, non ciascuno dietro il suo telefonino; in una piazza, non nella stanza del catechismo. E in tanti, che sarebbero stati certamente di più se il clima fosse stato un po’ più mite, anche se ai presenti in piazza vanno sommati i telespettatori di Telereggio, che ha trasmesso in diretta l’evento. Una lunga catena di parrocchiani e amici si è presa cura per puro spirito di volontariato degli aspetti logistici e tecnici (bravissime Antonella Grifa e Maria Chiara Girelli, le interpreti che hanno tradotto simultaneamente gli ospiti internazionali). Un altro miracolo.

Leggi l’articolo integrale di Edoardo Tincani su La Libertà del 23 settembre 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana