Unindustria Reggio Emilia aiuta le imprese ad affrontare la Brexit

Stampa articolo Stampa articolo

Giovedì 14 settembre alle ore 10 presso la sede di via Toschi un incontro che analizzerà conseguenze e possibili scenari politici e finanziari. Iniziativa in collaborazione con lo Studio Ascheri & Partners di Londra.

Unindustria Reggio Emilia organizza, in collaborazione con lo Studio Ascheri & Partners di Londra, giovedì 14 settembre alle ore 10 presso la sede associativa di via Toschi un incontro dal titolo: “Brexit: conseguenze e possibili scenari politici e finanziari”, per aiutare le imprese a districarsi in questo difficile quadro politico ed  economico.

Il Regno Unito infatti uscirà ufficialmente dalla UE entro il 29 marzo 2019, a meno che Londra e Bruxelles non decidano congiuntamente di prolungare la trattativa.

A quel punto sarà possibile che entri in vigore un accordo transitorio durante il quale i rapporti fra Gran Bretagna e UE resteranno sostanzialmente invariati.

Gli esperti prevedono che i prossimi mesi saranno a malapena sufficienti per negoziare i termini del “divorzio” britannico dall’Europa, mentre servirà più tempo, forse anni, per concordare nuove intese in campo economico, commerciale, militare e in molti altri settori.

“Londra, indipendentemente dall’uscita dalla Comunità Europea, rimane una piazza finanziaria di primario livello e l’intero Regno Unito è un crocevia per lo sviluppo delle imprese. Il Regno Unito vale infatti per le imprese reggiane circa 690 milioni in termini di export, ossia il 7,4% dell’intero valore degli scambi con l’estero, con particolare rilevanza per il settore metalmeccanico, dell’elettronica e dell’agroalimentare. La Gran Bretagna è infatti il quarto acquirente di merci “made in Reggio Emilia” – precisa Paolo Bucchi, Vicepresidente di Unindustria Reggio Emilia con delega all’Internazionalizzazione, che aprirà i lavori – Le principali incognite al momento riguardano la tutela dei diritti dei cittadini europei che vivono e lavorano nel Regno Unito e, in particolare per le nostre imprese, la libertà di circolazione delle merci e dei capitali anche sul confine tra le due Irlande”.

Pubblicato in Articoli, Associazioni