Novellara, ecco don Goccini

Stampa articolo Stampa articolo

Guida l’unità pastorale «Beata Vergine della Fossetta»

Nel tardo pomeriggio di domenica 3 settembre, nella Collegiata di Santo Stefano in Novellara, si è svolta la concelebrazione eucaristica presieduta dal Vicario generale monsignor Alberto Nicelli per l’ingresso di don Giordano Goccini, nuovo parroco dell’unità pastorale “Beata Vergine della Fossetta”, che comprende le parrocchie di Novellara, Santa Maria, San Giovanni, San Bernardino e Bernolda.
Don Giordano subentra a don Carlo Fantini, che presiede la comunità parrocchiale novellarese dal 2011, destinato alla guida di alcune parrocchie correggesi.
Il nuovo parroco, alla sua prima esperienza in questo ruolo, si occuperà anche della pastorale giovanile, finora affidata al curato don Luca Fornaciari, ormai prossimo alla partenza per la missione diocesana in Madagascar.

Ai saluti del sindaco Elena Carletti, che ha invitato il nuovo parroco a proseguire la consolidata collaborazione con la comunità civile, sono seguiti gli interventi dei rappresentanti delle varie comunità religiose presenti sul territorio (Sikh, Indù e Musulmana), i quali hanno sostenuto che, nonostante le diversità di ogni culto, è possibile trovare l’incontro nella condivisione di valori umani.

Nel corso della celebrazione don Alberto, commentando il Vangelo, ha sottolineato l’importanza della sequela e dell’affidamento al Signore che conosce la strada da percorrere.
Il ruolo del parroco è un servizio per l’unità e la comunione, che significa anche lasciarsi educare dal popolo, incontrare il volto delle persone e mettersi in ascolto della loro vita.
Lo stesso invito era presente nella lettera del vescovo Massimo, che ha inoltre ringraziato don Giordano della preziosa attività svolta con intelligenza, creatività e passione per la pastorale giovanile diocesana.

Continua a leggere tutto l’articolo di Mattia Franzoni su La Libertà del 9 settembre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana