Ad Alex Ferrari il primo premio del concorso di poesia “La Giarèda”,

Stampa articolo Stampa articolo

E’ stato il componimento L’udör dl’inverên di Alex Ferrari ad aggiudicarsi il trofeo “La Giarèda”, primo premio della 38^ edizione del concorso di poesia dialettale dedicato alla Sagra di Reggio Emilia. In Sala del Tricolore, Natalia Maramotti, assessora alla Città storica, e Giuseppe Adriano Rossi, presidente della commissione valutatrice delle opere, hanno consegnato a Ferrari il primo premio per la migliore tra le 37 poesie in concorso.

Erano 27 gli autori partecipanti segno, ha sottolineato l’assessora Maramotti, della vitalità del vernacolo reggiano, della sua capacità di generare creatività e cultura e di una sfida molto amata dagli autori per quello che costituisce ad oggi il premio più longevo della nostra  provincia.

L’udör dl’inverên è un delicato componimento che descrive l’arrivo della stagione invernale: oltre gli alberi lungo il canale si distinguono un contadino intento al proprio lavoro e un’anziana che setaccia la cenere utilizzata per il bucato. La nonna, a motivo dell’età avanzata, non riesce più a distinguere le figure che la circondano: sente solo l’odore dell’inverno vicino.

Nel corso della cerimonia è stata ricordata l’attrice Ennia Rocchi, recentemente scomparsa, a lungo legata al concorso “La Giarèda”. In diverse edizioni infatti Ennia Rocchi lesse le poesie premiate e impreziosì la consegna dei premi con apprezzate e applaudite recite dei testi.

La giuria 2017 – Giuliano Bagnoli, Antonio Casoli, Lorenzo Ferrari, Giustina Fossa, Aurelia Fresta, Alfredo Gianolio, Lucia Gramoli, Giuseppe Adriano Rossi, Francesco Giuseppe Sassi – ha assegnato il secondo premio, la Medaglia d’oro, alla poesia E spaventâpaser di Maria Teresa Pantani. Mentre terza si è classificata l’opera Cul ch’a j’èren, cul ch’a sàm di Angiolina Casoni a cui è andata la Medaglia d’argento.

Per le sezioni speciali sono invece stati premiati, per la miglior poesia di argomento cittadino, il componimento Al mè dialétt di Maria Codeluppi; per poesie che sottolineano gli aspetti religiosi della ricorrenza, Ciciarêda con Maria di Annalisa Bertolotti (primo premio della  Fabbriceria del Tempio della Ghiara) e La curòuna d’ingranêda di Rosa Dalla Salda.

Premiazione del vincitore Alex Ferrari

Premiazione del secondo classificato, Maria Teresa Pantani

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura