San Polo, piccoli e anziani per un’«arte senza regole»

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 5 agosto

È stata un vero successo la prima esperienza di “Art brut, arte senza regole” organizzata per tutti, martedì 11 luglio, dalla scuola dell’infanzia e nido “Mamma Mara” e dal centro di Accoglienza “Beata Vergine Maria” a Pontenovo con il patrocinio del Comune di San Polo.
In centinaia tra bambini, ragazzi e anziani hanno partecipato al grande laboratorio all’aperto all’insegna dell’arte, della collaborazione, della creatività in solidarietà.
Nel cortile e negli spazi interni della scuola e del centro ci si poteva esprimere con gessetti a pavimento, mandala con sabbie e farine, dripping (gocciolature), spruzzi e lanci di colore, decorazione di castelli con tecniche miste, pittura di sedie, assemblaggi di materiali, intrecci di stoffe e lane.

Ogni partecipante ha potuto lasciare un segno, un disegno, un messaggio della sua presenza sui totem bianchi sparsi nell’area esterna; su vari pannelli la documentazione fotografica e grafica dei laboratori realizzati durante l’anno ed anche un piccolo “museo” di opere ed installazioni di adulti, bambini, artisti di Art Brut, hanno completato la giornata.
La festa si è conclusa la sera, alle 21, con la presentazione in doppio video delle esperienze vissute dai bambini, disabili, anziani, giochi di light art (laboratorio con utilizzo di luci, computer e macchina fotografica), fuochi d’artificio e rinfresco offerto alle centinaia di presenti.
“è stata una splendida esperienza”, commenta Franco Bolondi, responsabile della scuola dell’infanzia paritaria e nido integrato e convenzionato con il Comune di San Polo. “Numerosissima la presenza delle famiglie della scuola e del centro di accoglienza, di ragazzi ed adulti sampolesi, di insegnanti di varie scuole dell’infanzia e primaria, di persone provenienti da altri paesi, fra cui l’assessore alla cultura di Traversetolo, dei bambini del grest della nostra unità pastorale, di operatori ed ospiti di altre strutture per anziani e disabili”.

“Un ringraziamento speciale – conclude Bolondi – va a chi, in vari modi con foto, video, intervista a Telereggio, generi di conforto, dono di materiali, assistenza volontaria durante la manifestazione, ha contribuito alla realizzazione di questa giornata meravigliosa che ci ha permesso di condividere un’attività che da più di vent’anni caratterizza la nostra scuola e il centro di accoglienza e che visto, il successo, probabilmente riproporremo”.

 

San Polo 'Il Pilastro' 2

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura