Coldiretti Giovani Impresa: premio a giovani imprese reggiane innovative

Stampa articolo Stampa articolo

Tra le 80 aziende che hanno partecipato alle finali regionali di Oscar Green c’è un’ampia esemplificazione delle capacità innovative dei giovani imprenditori, tra cui quelle di due aziende agricole reggiane di Campagna Amica, Valtresinaro e Società Agricola Beltrami. 

L’agricoltura è in testa alle preferenze dei giovani dell’Emilia Romagna che intendono mettersi in gioco come imprenditori avviando un’attività propria. È quanto emerge da una analisi di Coldiretti Romagna sulla base dell’apertura di nuove aziende giovanili in Regione nel primo trimestre del 2017 rilevata da Movimprese dell’Unione regionale delle Camere di Commercio. Nei primi tre mesi di quest’anno – commenta la Coldiretti Reggiana – il settore agricolo è l’unico settore che ha fatto registrare un aumento delle imprese under 35, con una crescita del 2,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, contro un calo medio di tutte le imprese giovanili regionali del 4,7 per cento.

Con questo incremento – sottolinea Coldiretti – le giovani imprese agricole si portano al 7,3 per cento del totale dell’imprenditoria giovanile regionale, raggiungendo in pratica la parità con le imprese industriali giovanili: 2.098 imprese agricole e 2.115 le imprese industriali.

I dati sono stati resi noti in occasione della consegna dei premi di Oscar Green 2017, il premio per l’innovazione in agricoltura promosso da Coldiretti Giovani Impresa, arrivato quest’anno all’undicesima edizione, per premiare le aziende capaci di conquistare il mercato con idee e prodotti innovativi.

Tra coloro che fanno dell’agricoltura una scelta di vita, secondo una analisi di Coldiretti Emilia Romagna più del 50 per cento è laureto, il 60 per cento sceglie attività e prodotti innovativi. Oggi il 70 per cento delle imprese under 35 opera in attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche all’agricoltura biologica e alla cura del verde con la sistemazione di parchi, giardini, strade, la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili. Il risultato è che, secondo una indagine della Coldiretti, le aziende agricole dei giovani possiedono una superficie superiore di oltre il 54 per cento alla media, un fatturato più elevato del 75 per cento della media e il 50 per cento di occupati per azienda in più’.

“L’agricoltura si dimostra sempre più un settore strategico a sostegno della ripresa economica ed occupazionale in Emilia Romagna” ha commentato il presidente di Coldiretti regionale, Mauro Tonello, nel sottolineare che “le campagne possono offrire prospettive di lavoro sempre più interessanti per chi vuole fare impresa con idee innovative”.

premio-giovani-impresa-reggio-emilia

Premiate le aziende agricole reggiane di Campagna Amica

Sezione “WE GREEN”

IL BIOLOGICO DI COLLINA

Viano (Reggio Emilia) – Azienda agricola Valtresinaro di Roberto Borghi

È un’azienda agricola bio, situata nelle colline reggiane. Coltiva calendula, lavanda e piccoli frutti freschi come more, lamponi, fragole, ribes e cereali con particolare rispetto della biodiversità valorizzata dagli apiari che producono miele di lavanda. Dai frutti realizza confetture e nettari e dai fiori olio essenziale di calendula e lavanda distillato in corrente di vapore, da cui ricava anche cosmetici naturali. Inoltre propone al consumatore mazzi di lavanda fresca, piantine di lavanda in vaso, sgranato di lavanda sfuso e confezionato in sacchettini cuciti a mano di varia foggia.

Menzione speciale: “NUOVE OPPORTUNITÀ”

A TAVOLA CON LE LUMACHE

Reggio Emilia – Società agricola Beltrami

A due km dalla stazione medio padana di Reggio Emilia, si trova l’allevamento più grande d’Italia di lumache su una stensione di 3 ettari. Partito con 106.000 lumache l’allevamento oggi ne alleva di 2,5 milioni. È un allevamento inconsueto visto il territorio vocato a zootecnia per Parmigiano Reggiano e viticoltura. Con 88 recinti, l’allevamento è diviso in due: l’ingrasso dei piccoli e la riproduzione. I recinti vengono coltivati con ortaggi, cavoli, bietole, insalata. Grazie ad un’azienda vicina, trasforma in prelibati piatti la produzione delle lumache. Realizza eventi in azienda per fare conoscere i prodotti e cene con i ristoranti locali.

Pubblicato in Articoli, Associazioni