«Pascal»: alternanza scuola-lavoro per i tecnici informatici reggiani

Stampa articolo Stampa articolo

L’Istituto di Istruzione Superiore “Blaise Pascal” di Reggio Emilia ha organizzato in modo impeccabile le 400 ore previste dal MIUR per cento studenti delle classi terze Informatico (3a C, 3a D, 3a E, 3a M). La realizzazione di tale impegnativo progetto è stata predisposta dalla docente di Informatica, la professoressa Cattani, la quale ha seguito puntualmente ogni attività svolta dagli allievi da settembre 2016 fino al termine dell’anno scolastico in corso.
Il bilancio annuo dell’alternanza scuola-lavoro può dirsi davvero positivo, poiché esso ha compreso sia ore di formazione svolte in Istituto da esperti del settore informatico, sia ore di laboratorio in aziende che si sono rese disponibili ad accogliere gli allievi, sia infine la visita guidata alla H-Farm.

Patrocinata quasi interamente da Impact Hub, l’Asl era stata inaugurata il 17 ottobre 2016 dalla conferenza su Cloud (tenuta da Valerio Versace di Soluzione Futura), seguita da quelle inerenti Open Sourse (tenuta da Giampaolo Melli di NextUp), Seo Content marketing e Growth Hacking (tenuta da Vittorio Guarini di Fazland), Video Storytelling (tenuta da Nicola Bigi di Tiwi), Nuovi Business (tenuta da Alain Marenghi di Aster). Tutti gli allievi delle terze informatico sono successivamente state guidate al Linux Day presso il Tecnopolo di Reggio Emilia, il 22 ottobre 2016. A gennaio è ripresa la partecipazione alla formazione circa l’utilizzo di Arduino (con Fabrizio Salvetti di Fazland), Internet of Things (Paolo Lasagni di Ifoa), React Native (Marco Argentieri di Vulpem), coronatesi con la presentazione di Start Up (Luca Vettorello di Impact Hub) ai Musei Civici della città che ha mostrato agli allievi l’utilizzo della Stampa 3D (Fernando Arias di FabLab).

Leggi l’articolo completo di Sara Rinaldi su La Libertà del 1°luglio

20170404_124522

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura