‘Restate 2017’: un’estate di musica, spettacolo e partecipazione

Stampa articolo Stampa articolo

È tempo di Restate! Il brand dell’estate a Reggio Emilia torna dalla seconda metà di giugno a ottobre nelle piazze e nelle strade del centro storico, nei parchi e nei quartieri, mescolandosi alla vita delle persone e occupando pacificamente i luoghi che esse vivono, attingendo a piene mani al potenziale culturale, creativo, partecipativo della città e di tanti dei suoi migliori artisti, senza trascurare certo quelli che la città ospita. Una versatile contaminazione collettiva, nata dal talento nelle sue innumerevoli declinazioni, cresciuta nei decenni e rivolta al futuro con la ragion d’essere primaria di creare relazioni di comunità e cultura, e dunque benessere diffuso. Quel benessere che, diceva Robert Kennedy, è dato dalla gioia di essere insieme, creare e condividere; che non è misurabile dal Pil ma non per questo è meno importante: anzi, è indispensabile per vivere. Anche per questo, accanto ai luoghi del quotidiano, ospitano Restate diversi edifici e spazi identitari della città.

Museum-Food-Lab

Restate, promossa per la prima volta nel 2017 insieme da Comune di Reggio Emilia e Fondazione Palazzo Magnani, si realizza grazie al coinvolgimento e alla collaborazione delle principali istituzioni culturali Biblioteca Panizzi, Musei Civici e Ufficio Cinema e di altre istituzioni  e organizzazioni, fra cui Fondazione nazionale della Danza-Aterballetto, Istituto musicale Peri, Museo Cervi, Fondazione Reggio Children-Centro internazionale  Malaguzzi, Fondazione per lo sport, Arci, Centri sociali e numerose associazioni di volontariato e gruppi civici coinvolti nel progetto Qua_Quartiere bene comune, le rassegne Mundus, Soli Deo Gloria, Festival pianisti italiani e Dinamico festival, le istituzioni e i servizi del Comune di Reggio Emilia Biblioteca Panizzi, Musei Civici, Spazio Gerra e Ufficio Cinema.

Fotografia-Europea

Restate 2017 è fatta di musica, teatro, danza, poesia, cinema, fotografia, arte a cui quest’anno si aggiungono novità importanti quali il contributo culturale alla memoria dei Martiri del 7 Luglio con uno spettacolo di teatro civile di Ascanio Celestini, la moda con l’evento dedicato ad Antonio Marras presso i  Musei civici  e lo sport che fa ingresso per la prima volta a Restate in maniera strutturata, cioè con una propria sezione: tre dialoghi con campioni di Basket, Volley e Automobilismo.

Restate è fatta di 46 progetti (settori ‘Cultura e creatività’ e Turismo e animazione della città – REstate nei quartieri’) tra le molteplici e multiformi proposte del mondo dell’associazionismo, espressione del centro storico, dei quartieri e delle ville, che hanno trovato realizzazione grazie al contributo del Comune per 145mila euro nell’ambito del Bando “Cultura per la città e Restate nei quartieri 2017”.

Cultura e spettacolo restano i capisaldi di un cartellone che, forte di centinaia di appuntamenti da giugno a ottobre, per la maggior parte gratuiti, avranno per palcoscenico le piazze del centro e i luoghi storici dell’arte e della cultura, ma anche la Cintura verde e i quartieri. I Chiostri di San Pietro, la Biblioteca Panizzi, il Palazzo dei Musei, piazza Prampolini, piazza Fontanesi, l’Arena ex Stalloni, lo Spazio Gerra, i Centri sociali e gli Orti urbani sono solo alcuni dei luoghi deputati ad ospitare gli eventi di Restate 2017.

piccoli-incanti-Razzini

Confermate anche quest’anno le aperture straordinarie serali di musei e biblioteche, gallerie d’arte e luoghi storico-artistici sedi delle mostre del festival di Fotografia Europea, ma anche degli esercizi commerciali del centro storico.

Non resta che scoprire questa Restate 2017.

PROGRAMMA

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura