Cuore missionario, prete per la gente

Stampa articolo Stampa articolo

Don PierLuigi Ghirelli: ritornare al Vangelo come servi

Quando in una parrocchia la comunicazione funziona, è una benedizione. A Montecavolo, da anni in unità pastorale con Salvarano, il giornale della comunità, “Il Ponte”, è uscito con un numero monografico sul 50° anniversario di sacerdozio del parroco don PierLuigi Ghirelli, che ricorreva l’11 giugno scorso. Nella redazione, brilla sempre la passione comunicativa del gruppo giovane, ormai giovane-adulto, di “Lergh ai szoven”, artefice dell’appuntamento settembrino di “Buone Notizie”. E anche in questo caso, il pezzo forte del bollettino è l’intervista a “don Pier” realizzata da Billy con il contributo di Alle e Lollo.
Non va dimenticato, parlando di penne e di articoli, che lo stesso don Ghirelli è felice scrittore, avendo pubblicato libri sul Brasile, dove è stato missionario fidei donum dal 1970 al 1989 come “padre Pedro” (ricordiamo in modo particolare quello, recente, sul 50° della missione diocesana) nonché testi documentatissimi sulla genealogia delle parrocchie di Collagna e di Busana, scritti da lui che è nativo di Leguigno.
E in una delle risposte dell’intervista che apre lo speciale di Montecavolo, alla domanda se usciranno sue nuove opere, don PierLuigi dice così: “Devo fare i conti con gli anni e con i limiti che questi comportano. Rimarrà un sogno, ma da tempo coltivo il pensiero di scrivere un sussidio semplice per guidare le persone nella lettura della Bibbia. Ne ho letti tanti ma non mi soddisfano”.

Leggi tutto l’articolo di Edoardo Tincani su La Libertà del 24 giugno

P6266565-don-PierLuigi-Ghirelli

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana