Grande spettacolo della scuola primaria “Collodi” di Sant’Ilario d’Enza

Stampa articolo Stampa articolo

Scuola, insegnanti, genitori e bambini impegnati insieme per la festa di fine anno.                                                            

Da quindici anni il comitato di genitori della scuola primaria “Collodi” di Sant’Ilario d’Enza (RE) raccoglie contributi per finanziare progetti educativi.

Il comitato, che si ritrova nei locali scolatici, è un luogo dove dare vita a incontri fra genitori che si scambiano idee, proposte e lavorano insieme per creare qualcosa per i proprio figli.

Per mamme e papà è un’esperienza stimolante e costruttiva che prosegue grazie al rapporto di reciproca fiducia e stima con i dirigenti scolastici che si sono via via alternati negli anni.

Nella scuola a tempo pieno “Collodi” gli alunni fanno attività e laboratori con esperti (pittura, falegnameria, creta e arte), mentre i genitori ricavano dei momenti nel corso delle attività didattiche per la preparazione della festa scolastica, preparando canti o balli personalizzati dalle mamme di ogni singola classe.

Grazie a queste iniziative è cresciuto il patrimonio culturale dei bambini e la Collodi è diventata molto più di una scuola: è quella che molti definiscono “una grande famiglia”.

3

Il desiderio di arricchire la scuola dei propri figli, fa sì che il team dei genitori organizzi annualmente uno spettacolo a tema che ogni anno diventa più curato, ricco di dettagli, significato e passione. L’ispirazione nasce  generalmente da ciò che i bambini hanno vissuto, di cui hanno sentito parlare o hanno svolto durante l’anno scolastico.  Lo scorso anno, ricordando la manifestazione mondiale Expo, si parlò di alimentazione: la festa era centrata sugli stati del mondo e le loro differenze alimentari.

Quest’anno, invece, si è parlato di arti e mestieri con un progetto che ha coinvolto tutte le classi del plesso.

Pertanto le insegnanti hanno approfondito varie professioni, mentre il comitato ha organizzato una rappresentazione sul mestiere dell’artista: ogni classe ha rappresentato un’arte (danza, scultura, musica, circo, pittura, cinema…) e ha interpretato il ballo dedicato alla propria” – spiegano i genitori che, durante tutto l’anno scolastico, hanno preparato scenografie, costumi e coreografie dei balletti interpretati dai bambini.

L’azienda reggiana Crisden ha contribuito alla parte estetica mettendo a disposizione gli strumenti per realizzare la scenografia.

L’obiettivo principale è motivare i bambini al lavoro di gruppo e far sì che rimanga loro il ricordo di esperienze formative, oltre che emozionanti. Gli applausi del pubblico hanno avvalorato la ricchezza d’intenti proposta dai genitori e sostenuta in sinergia dagli insegnanti, che credono all’impegno costante del loro lavoro”.

2

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura