Studentesse premiate dallo Zonta International club

Stampa articolo Stampa articolo

Le  studentesse vogliono contare è il Concorso artistico, fotografico e multimediale promosso dallo Zonta internatonal club di Reggio Emilia, per promuove lo studio e la scelta delle facoltà universitarie scientifiche nelle studentesse di scuola superiore. Questo è il II anno che l’associazione  s’impegna su questo importante quanto avanguardistico fronte.

Il tema del concorso quest’anno è stato il seguente: “Come promuovere l’iscrizione e la frequenza alle facoltà universitarie scientifiche Stem ( scienze, tecnologie, ingegneria, medicina ) attraverso le immagini, filmati, storyboard o interviste. Al concorso hanno partecipato 5 scuole superiori,  i licei: Aristo Spallanzani, Chierici, Matilde di Canossa, Moro, l’istituto Secchi, coinvolgendo più di 20 studenti.

Venerdì  9 giugno, alle 18, si è tenuta, la consegna dei premi.

premio stem

Referenti di progetto nel Consiglio Zonta: dott.ssa Alessandra Policastri, prof.ssa Claudia Bianchi, dott.ssa Simona Salvarani. Gli studenti sono stati coordinati dai docenti: Valentina Bersiga, Gianna Fontanesi, Nadia Ruini, Paolo Rossi, Loriana Parterlini.

“Lo Zonta Club di Reggio Emilia promuove  questo concorso, riservato ad studentesse e studenti delle Scuole secondarie di secondo grado, pubbliche e private, delle classi quarte e quinte-della nostra città di Reggio Emilia e della provincia- spiega l’avv. Vanda Giampaoli,  presidente Zonta – lo facciamo per riflettere, ridurre e contrastare lo stereotipo di genere in ambito formativo, ancora radicato nel nostro Paese, nei confronti delle ragazze e giovani donne che affrontano studi universitari Stem, diffondendo modelli perseguibili. In pratica si intende  fornire un supporto alle scuole a sostenere le studentesse nella scelta di indirizzi Stem a livello universitario mediante una riflessione  su testimoni o testimonianze visive o narrative a supporto di tale obbiettivo e con premi dedicati”.

Con l’iniziativa e gli studenti partecipanti si sono complimentate le assessore: Raffaella Curioni e Valeria Montanari. Testimonial d’eccezione l’’ingegnere bio-medico, la dott.ssa Cecilia Signorelli, laureata al Politecnico di Milano con all’attivo diversi stage negli Stati Uniti,  che attualmente opera all’istituto ortopedico Rizzoli di Bologna.

“Anche quest’anno abbiamo dato corso al Progetto Stem rivolto alle alunne ed agli alunni delle classi 4° e 5°delle scuole superiori- spiega Vanda Giampaoli-I ragazzi e le ragazze hanno partecipato con entusiasmo al progetto mostrando tutta la loro fantasia, personalità e bravura nel rappresentare attraverso video, interviste, fotografie e scritti,  il modo in cui vengono viste le donne che si approcciano alle materie scientifiche, considerate da sempre appannaggio del  mondo maschile”.

Il concorso è stato suddiviso in tre sezioni: promuovere le scienze; promuovere le tecnologie e le nuove tecnologie digitali; promuovere la matematica. Ognuna di esse è a sua volta suddivisa in tre categorie: foto o video, elaborati grafici, testo breve,intervista o storyboard per video. Gli elaborati, (massimo 3 per classe) oppure anche presentati individualmente dalle studentesse sono stati trasmessi alla giuria del concorso entro  il 3 Giugno scorso.

Ecco l’elenco dei premiati, I premio:” Chiara Prandi ed Eleonora Bonini:” Cos’è una dinamo”, 5^ G, liceo Moro (350 euro); II premio: Carlotta Giancane, Stella Vernia, Sara Zanetta col video:”Le studentesse vogliono contare, intervista universitari, intervista Chierici”, classe 4^E liceo Chierici(250 euro), III premio: Beatrice Chinca 5^A Ariosto Spallanzani col Testo:”Prof matematica e Marta”(150 euro); Menzione speciale per Cecilia Perricci, Anna Frignano, Teresa Guerrieri, 5E liceo Moro:”Come volevasi dimostrare”;a seguire: Elisa Diambri e Stefano Franzoni 5^M Liceo Moro:”La danza di Matisse; Elisa Diambri 5^M liceo Moro:”Siamo pronte lo siamo sempre state”, testimonianza di donna studentessa in matematica”; Chiara Provenzani 4^B liceo classico Spallanzani con una descrizione storica; Aunt Samantha, Elisa Diambri e Stefano Franzoni: 5^M Liceo Moro; Angie Bertani, Valeria Esentato, Giada Fusaroli, Giulia Gulina, Giovanni Tannini:” Tech is the new pink” documentario del liceo Chierici; Carlomagno Matteo  liceo Ariosto Spallanzani con un video; “Le donne contano”testo con le domande e testimonianze Alice Bianchi del Secchi.

 

Pubblicato in Articoli, Associazioni