Hockey prato, da venerdì a Reggio le finali nazionali Under 16 femminile

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo il Giro d’Italia la nostra città si appresta ad ospitare un altro evento sportivo di prestigio, le Finali nazionali di hockey su prato Under 16 femminile. Dal 2 al 4 giugno – grazie anche ai lavori effettuati dalla Provincia di Reggio Emilia nel rinnovato centro sportivo “Balestri e Gambini”, al polo scolastico di via Makallé – le 6 migliori squadre italiane si contenderanno infatti lo scudetto: tra queste, anche l’Asd Città del Tricolore che punta a bissare il titolo nazionale conquistato nel 2015 con l’Under 14 femminile.

Le Finali nazionali di hockey su prato Under 16 sono state presentate questa mattina a Palazzo Allende, sede della Provincia di Reggio Emilia che – come ha sottolineato in apertura il presidente Giammaria Manghi –  “ha lavorato molto per far sì che il centro sportivo fosse in grado di ospitare al meglio l’attività quotidiana del Città del Tricolore, ma anche di essere all’altezza di appuntamenti particolari come queste Finali nazionali che rappresentano un’altra bella pagina di promozione sportiva, a maggior ragione trattandosi di squadre giovanili e femminili”.

Di circa 60.000 euro l’importo degli ultimi interventi realizzati dalla Provincia al centro sportivo “Balestri e Gambini”, intitolato alla memoria di due giocatori scomparsi in un incidente automobilistico di ritorno da una trasferta tra Asti e Cuneo nella metà degli anni Settanta. I lavori – oltre alla fornitura e posa di un defibrillatore – hanno riguardato l’impianto di illuminazione, la sostituzione della caldaia e la sistemazione dell’impianto termico, la rete di delimitazione del campo, interventi di rinforzo sismico degli spogliatoi, ma soprattutto la realizzazione di una vasca di accumulo idonea a garantire l’irrigazione del campo sintetico, indispensabile per permettere lo svolgimento di queste Finali nazionali.

Da venerdì 2 a domenica 4 giugno Reggio Emilia potrà dunque ospitare questo prestigioso evento a conclusione, ha evidenziato il presidente dell’Asd Città del Tricolore e consigliere federale Marco Bonacini, di “una stagione veramente straordinaria che ci ha visti partecipare a ben 12 campionati nazionali, raggiungendo 6 fasi finali, conquistando il terzo posto indoor con l’Under 18 e portando i nostri ragazzi e ragazze a giocare da Trieste a Catania e da Torino a Brindisi”. “Uno sforzo davvero enorme per una società che si basa sul volontariato, che viene premiato anche con queste Finali nazionali che per la prima volta in 59 anni di storia ospitiamo a Reggio Emilia”, ha concluso Bonacini.

Finali che vedono proprio il Città del Tricolore tra le squadre favorite, in virtù anche dello scudetto conquistato a Padova due anni fa nella precedente categoria Under 14: “Il gruppo è in pratica quello nato cinque anni fa e che nel 2015 si è laureato campione d’Italia, rafforzato con un paio di inserimenti ben integrati: le ragazze si stanno allenando con grande impegno e sia tatticamente che atleticamente abbiamo preparato al meglio queste finali”, ha confermato l’allenatore Paolo Grazioli non nascondendo “la grande emozione e l’orgoglio per affrontare questa finale scudetto proprio in casa e in uno degli impianti di hockey più belli d’Italia”.

Un caloroso in bocca al lupo alle ragazze del Città del Tricolore è arrivato anche dal presidente della Fondazione per lo sport Leo Melli: “Vedo grande emozione nei vostri occhi perché un importante obbiettivo è davvero vicino, ma i traguardi sono sempre da raggiungere e vi auguro davvero di cuore di riuscirci: in ogni caso questa bellissima esperienza rimarrà per sempre nella vostra vita”.

Presente in rappresentanza del Coni provinciale anche Vilmo Benetti, uno dei pionieri dell’hockey a Reggio Emilia: “Quando nel 1958 abbiamo afferrato le prime mazze non avremmo mai pensato che si sarebbero raggiunti traguardi così prestigiosi”, ha detto.

Hockey

Le Finali nazionali Under 16

Oltre al Città del Tricolore di Reggio Emilia, si contenderanno lo scudetto Under 16 femminile le campionesse in carica del Cus Pisa, Catania, Polisportiva Ferrini Cagliari, Cus Torino e Butterfly Roma.Dal pomeriggio di venerdì 2 giugno a quello di domenica 4 giugno si giocheranno 9 gare totali: 2 incontri il venerdì, 4 il sabato e i 3 incontri la domenica. Si gioca con la formula dell’hockey a 7, su due tempi di 25 minuti ciascuno. Divise in due gironi da tre le 6 squadre, che in base alla classifica accederanno alle relative finali (le due prime si contenderanno lo scudetto, le due seconde si affronteranno nella finale per il terzo e quarto posto, le due terze giocheranno per quinto e sesto posto). Nella fase eliminatoria il Città del Tricolore affronterà venerdì alle 17 il Catania e sabato (sempre alle 17) il Cus Pisa. La finalissima è in programma per domenica alle 12.40.

Nella giornata di venerdì si terranno anche la riunione tecnica fra tutti i dirigenti, allenatori arbitri e giustizia di campo, la cerimonia di inaugurazione e la celebrazione ufficiale dell’intitolazione del campo di gioco con la presenza di autorità locali e rappresentanti di comitati sportivi.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura