Alessandro D’Avenia: Leopardi può salvarti

Stampa articolo Stampa articolo

Al Teatro Ariosto «L’arte di essere fragili»

Venerdì 12 maggio il Teatro Ariosto di Reggio ha ospitato lo spettacolo “L’arte di essere fragili”. Protagonista è il professore e scrittore Alessandro D’Avenia (foto), che sta portando per i teatri della nostra bella penisola Giacomo Leopardi.
Ho prenotato il mio biglietto alle 15.01, un minuto dopo l’inizio della corsa alla poltrona e due minuti prima dell’esaurimento dei posti: è evidente che sono tanti i “rapiti” dalle parole e dall’esempio di D’Avenia, disposti a tutto pur di poter rispondere, come lui racconta di aver fatto ogni mattina al momento dell’appello durante i suoi 5 anni di liceo classico, adsum: “Sono presente… e ho una destinazione”.

Il suono di una campanella dà inizio al racconto. I ragazzi di quinta superiore dei licei Ariosto e Spallanzani chiacchierano tra i banchi come in una vera classe. Quando D’Avenia entra in scena tutti prendono posto: al centro del suo discorso c’è la quotidianità della vita. Egli confida di aver fatto suoi la virtù e il coraggio di esplorare in profondità i misteri dell’esistenza grazie a Leopardi, che è stato per lui un maestro nella ricerca della felicità, al contrario di quello che comunemente si dice e si pensa.

Leggi tutto l’articolo di Cecilia Iotti su La Libertà del 27 maggio

Giulietta-Vacis_DAvenia_8709

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura