I robot al potere? Qualità e sicurezza 4.0: ecco le soluzioni Blulink

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo il debutto nel 2016, anche il secondo appuntamento con il BlulinkDay conferma la “rotta” verso Industry 4.0 con il focus sulla necessità di coniugare Qualità e Sicurezza nei processi industriali con le linee strategiche che portano verso la “fabbrica digitale”. Tracciare “La Rotta verso Qualità e Sicurezza 4.0” è l’obiettivo del BlulinkDay 2017 in programma giovedì 18 maggio dalle 9 alla cantina Albinea Canali (Reggio Emilia).

Siamo ogni giorno al fianco delle aziende di tutte le dimensioni e di tutti i settori per aiutarle a trovare la rotta giusta che porta al miglioramento della competitività valorizzando le opportunità offerte dalla quarta rivoluzione industriale –spiega Bernhard Konzet, amministratore delegato di Blulink, l’azienda reggiana che ormai da molti anni è impegnata sulle frontiere più avanzate del controllo qualità e della sicurezza in ambiente industriale – e le metteremo in campo il 18 maggio nel #BlulinkDay. Il focus sulla fabbrica digitale, ma spiegata da chi l’ha già realizzata concretamente”.

Tracciare “La Rotta verso Qualità e Sicurezza 4.0” è l’obiettivo del BlulinkDay 2017.

Porteranno contributi all’edizione 2017 del BlulinkDay il presidente della Regione E-R Stefano Bonaccini, Fabio Storchi (Federmeccanica), Elio Catania (Confindustria Digitale), Fraunhofer Italia e Ifoa e ci saranno i “casi aziendali”, le applicazioni concrete della digital trasformation che entra da protagonista nella vita delle imprese di tutte le dimensioni, di tutti i settori e in ogni Paese con le buone pratiche di aziende come la bolognese Bonfiglioli, la lombarda Bitron e la Tiberina di Umbertide in Umbria (vincitrice del Premio EY Imprenditore dell’anno 2016).

Sono esperienze concrete, specifiche e focalizzate. Non ci proponiamo di analizzare il mondo Industry 4.0 nella sua complessità e in ogni aspetto  – commenta Bernhard Konzet, amministratore delegato di Blulink – con il BlulinkDay 2017 proponiamo una riflessione a più voci focalizzata su Quality e Safety in ottica 4.0, con il contributo di tanti protagonisti di questo cambiamento che segnerà un’era nella vita delle aziende e nel modo di lavorare, per definire la giusta rotta e aiutare concretamente le imprese fino all’approdo nella dimensione 4.0”.

BERNHARD_WEB

Alle esperienze aziendali si uniranno i pareri delle istituzioni e delle associazioni imprenditoriali e un contributo importante arriverà dal Fraunhofer Italia perché è la voce della più grande organizzazione di ricerca applicata in Europa.

Umberto Lonardoni, il direttore del centro di formazione IFOA di Reggio Emilia presenterà i risultati di una analisi aggiornata sui profili professionali che saranno richiesti nelle fabbriche 4.0 (Digital Revolution Skills), quindi nelle fabbriche del futuro e saranno analizzati i dati raccolti da Assintel (con Sergio Cassinelli).

Saranno analizzate con il contributo di BNL (gruppo BNP Paribas) e di Luca Pietranera (di Corporate Studio ) le opportunità di finanziamento disponibili a livello nazionale e in Europa per sostenere le azioni mirate alla qualità e alla sicurezza nell’ambiente di lavoro nella dimensione 4.0.

Le soluzioni messe a punto da Blulink, partendo dal software Quarta®3, saranno presentate nella versione più aggiornata alle sfide che ogni giorno le imprese sono chiamate a combattere per rimanere sul mercato globale.

Info e iscrizioni www.blulink.com

Blulink in pillole

Blulink è una software house attiva dal 1990 a Reggio Emilia. Il team guidato da Bernhard Konzet (amministratore delegato) si è focalizzato sullo sviluppo di Soluzioni Software per la gestione integrata della Qualità (Quality Chain Management) e della Sicurezza nell’ambiente di lavoro riunite nella piattaforma Quarta3.

I sistemi Blulink sono adottati da quasi mille aziende in Italia e in vari Paesi nel mondo. Il team Blulink è composto da oltre 30 persone, 35consulenti (il 50% certificati PMP). Blulink ha come obiettivo il raddoppio del fatturato entro il 2020 per arrivare a circa 5 milioni di euro puntando su soluzioni sempre più innovative e sull’internazionalizzazione senza escludere nuove acquisizioni e partnership sia in Italia che all’estero.

 

Pubblicato in Articoli, Associazioni