114 pellegrini di ACR & ACG sulla via dei santi della gioia

Stampa articolo Stampa articolo

Due giorni a Torino, nei luoghi di don Bosco e Frassati

Il pellegrinaggio di primavera tra Acr e Acg è un cammino ormai consolidato ed è giunto alla sua terza edizione: quest’anno la meta è Torino, sulle orme dei santi della gioia: don Bosco e PierGiorgio Frassati.
Domenica 30 aprile, a piazzale Europa, eccoci pronti tutti per salire sui pullman: tanto entusiasmo, perché un viaggio porta sempre con sé tante attese soprattutto se lo si fa insieme! Giornata stupenda di sole pieno che sembra incoraggiarci a camminare a pregare, a sapere che c’è tanto da scoprire e che viaggiare può essere un modo per conoscere meglio e capire di più.

Il nostro gruppo è formato da 114 persone: 3 sacerdoti, don Paolo Gazzotti, don Daniele Bassoli ed il nostro don Gabriele Valli (che arriverà in serata), 17 educatori e 94 ragazzi, che bellezza! Abbiamo ragazzi di Praticello e Campegine, Correggio, Bagnolo, Rubiera, gruppi grandi e gruppi piccoli, fino a chi è venuto da solo dalla sua parrocchia, come Maddalena o Matteo!
Per dirla con papa Francesco è un gruppo ricco di diocesanità che fa sentire il respiro grande della Chiesa.

Torino ci accoglie; lasciamo, con rimpianto per i bianconeri, i cartelli dello stadio della Juventus perché la nostra meta è Maria Ausiliatrice. Una bella immagine di don Bosco a braccia aperte ci accoglie: siamo a casa di sua, quante volte a catechismo ce ne hanno parlato e adesso possiamo vedere e conoscere di persona. Nonostante il numero di pellegrini presenti, i salesiani cordialissimi ci permettono di giocare a calcio ed un pallone è un modo di relazione formidabile. Nel bel cortile sotto gli occhi di don Bosco facciamo confusione in allegria come lui ci ha detto che si deve fare in un cortile di oratorio.

Leggi tutto l’articolo a cura dell’équipe Acr su La Libertà del 13 maggio

100_1430

Pubblicato in Articoli, Associazioni