Consacrazione della Diocesi a Maria: note dell’Ufficio Liturgico

Stampa articolo Stampa articolo

L’evento sarà trasmesso in diretta dal Centro diocesano Comunicazioni in tv (Teletricolore canale 119) e online tramite www.laliberta.info

Ispirandosi alle processioni serali a Lourdes, il gruppo diocesano di preparazione alla consacrazione della Diocesi a Maria la sera del sabato 13 maggio, ha pensato alle seguenti indicazioni.

Il raduno sarà davanti alla Basilica della Ghiara a partire dalle 20.30.

Per poter partire con una certa puntualità alle 21, è necessario infatti predisporre con un certo anticipo i fedeli secondo l’ordine della processione e ritirare i flambeaux.13-maggio-LOC

Davanti a tutti, secondo la “scelta preferenziale” di Maria per i piccoli e gli ammalati, saranno i bambini del catechismo e i loro catechisti: quelli che hanno celebrato la prima Eucaristia in queste domeniche, sono invitati ad indossare la loro veste bianca; tutti gli altri, fino ai ragazzi della Cresima, con maglia e/o felpa bianca e pantaloncini/jeans blu. I catechisti e i genitori procurino per i bambini dei cestini di petali di fiori (anche quelli di carta che si usano per i matrimoni!), da spargere lungo il cammino.

Seguono gli ospiti delle Case della Carità, gli ammalati dell’UNITALSI, del CVS, delle famiglie che vorranno accompagnare familiari infermi o disabili in carrozzella. Tutte le notizie tecniche relative al trasporto e ai parcheggi verranno precisate sul sito diocesano. Davanti all’immagine della Madonna Pellegrina, la stessa che fece realizzare Mons. Socche a Vicenza per le Peregrinatio Mariae del dopoguerra, ci saranno anche gli stendardi e i membri delle associazioni in divisa, delle Confraternite, dei Cavalieri del Santo Sepolcro. Dietro Maria, il Vescovo Massimo, e tutti i fedeli delle parrocchie, delle aggregazioni laicali e dei movimenti.

I sacerdoti e i diaconi non devono indossare abiti liturgici e, insieme ai religiosi e alle religiose, rimangono coi propri fedeli. Davanti al sagrato della Ghiara, dopo l’introduzione del Vescovo, verrà recitata la prima decina dei Misteri Gloriosi; il II, III e IV mistero, durante la processione che si snoderà lungo la via Emilia dalla Ghiara al Duomo.

L’ultimo mistero verrà recitato in piazza del Duomo, prima dell’omelia del Vescovo e dell’atto di consacrazione, concluso dal suono delle campane e dal canto del Magnificat. Tutti i canti e le preghiere verranno diffusi dalla Cattedrale. I misteri verranno affidati a varie associazioni; per il canto, guida il Coro Diocesano, il quale invita tutte le corali parrocchiali ad unirsi al Coro, con ritrovo in Cattedrale alle ore 20 per le prove. Il programma di canti mariani tradizionali, ma per i quali è necessario accordarsi per l’esecuzione, verrà pubblicato anch’esso sul sito. Non verrà distribuito alcun sussidio, perché si pregherà col Rosario e con canti conosciuti. Al termine, verrà distribuita un’immagine a ricordo di questo storico atto di Consacrazione.

Proposta: NOVENA DI FATIMA  (Sussidio preparato dalla Parrocchia di Rio Saliceto, già adottato per il Rosario in Cattedrale in questi giorni)

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana