Cavriago: sala gremita per il film su don Enzo Boni Baldoni

Stampa articolo Stampa articolo

Sono diverse le iniziative organizzate a Cavriago nell’ambito delle celebrazioni del 25 Aprile. La prima è stata la presentazione in anteprima al Multiplo, in una sala gremita, di “Fai del bene e buttalo ai pesci”, il documentario di Alessandra Fontanesi e Andrea Mainardi dedicato a don Enzo Boni Baldoni, Giusto fra le Nazioni, in cui si susseguono diverse testimonianze. Ad esempio quella di Bruno Modena, che insieme alla sua famiglia si salvò durante la seconda guerra mondiale grazie a Don Enzo e che è stato colui che ha preso i contatti con l’Istituto Yad Vashem di Gerusalemme per il riconoscimento. Poi quella del sindaco Paolo Burani, che in particolare, racconta il legame di Don Enzo con il paese natale; e quella del nipote del sacerdote, Domenico Boni Baldoni, che mette in luce aneddoti e fa riaffiorare ricordi di famiglia. Una proiezione emozionante, con in sala storici, parenti del prete cavriaghese, una delegazione di Sarmato (Pc), visto che Cavriago e il Comune piacentino hanno stretto un patto di amicizia nel nome di Don Enzo; poi il rabbino Beniamino Goldstein e tanti.

Il sindaco ha evidenziato che “Don Enzo è stato un uomo di pace e oggi abbiamo bisogno di imparare da persone come lui”. Il nipote Domenico Boni Baldoni, visibilmente emozionato, ha ringraziato Fontanesi e Mainardi: “Vi sono infinitamente grato per il lavoro che avete fatto”. Il rabbino ha ricordato quanto sia importante l’unione nelle comunità. Fontanesi e Mainardi hanno annunciato che presenteranno il film l’11 maggio ai ragazzi delle Medie di Cavriago. “L’intenzione è di presentarlo anche a Quara di Toano, dove Don Enzo era parroco, a Sarmato e in giro per la provincia reggiana e non solo”.

Paolo-Burani,-Domenico-Boni-Baldoni,-Alessandra-Fontanesi-e-Andrea-Mainardi

Infine Mirco Carrattieri dell’Istituto Cervi, ha annunciato che è in cantiere il progetto “ResistEnza”, promosso dal Cervi e da Istoreco: “Intendiamo creare un museo diffuso (reale e virtuale) della resistenza lungo l’Enza, che coinvolga i Comuni dal Ventasso al Po, per ricordare luoghi, persone ed eventi legati alla resistenza”.

La presentazione di “Fai del bene e buttalo ai pesci” fa parte delle iniziative organizzate nell’ambito dell’anniversario della Liberazione. Martedì 25 aprile alle 9 ci sarà la deposizione dei fiori ai cippi dei Caduti; alle 10 la Santa Messa nella Chiesa di San Terenziano; alle 11 il corteo e la deposizione delle corone ai monumenti ai caduti nel cortile della scuola De Amicis e in piazza Don Dossetti. Alle 11.30, in piazza Don Dossetti, i discorsi del sindaco e del partigiano Livio Piccinini Delinger. La cerimonia sarà accompagnata dalla banda di Marmirolo e dal coro “Città di Cavriago”. In caso di maltempo la celebrazione si terrà nella sala civica Arduini. Inoltre venerdì 28 aprile nella sala del consiglio, alle 9, la staffetta partigiana Teresa Vergalli presenterà il libro “Non era una notte buia e tempestosa” agli studenti di Cavriago.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura