Domenica l’ordinazione episcopale di don Daniele Gianotti

Stampa articolo Stampa articolo

Alle 16.30 in Cattedrale, per l’imposizione delle mani e la preghiera del vescovo Camisasca

La Chiesa di Reggio Emilia-Guastalla gioisce per l’ordinazione episcopale di don Daniele Gianotti, parroco di Bagnolo, chiamato da papa Francesco a guidare la Diocesi di Crema, in Lombardia. L’annuncio dell’elezione venne dato lo scorso 11 gennaio. Ora, dopo un Triduo di preghiera celebrato nell’unità pastorale di Bagnolo, ci si prepara alla festa di domenica 19 marzo, quando durante la solenne Eucarestia che inizierà alle 16.30 nella Cattedrale di Reggio Emilia monsignor Gianotti riceverà la consacrazione episcopale per l’imposizione delle mani del vescovo Massimo Camisasca.

La giornata di domenica è ricca di significati. Dal punto di vista liturgico il 19 marzo, solennità di san Giuseppe, contiene un riferimento decisivo per ogni vocazione alla paternità nella Chiesa, come quella di un vescovo. Tuttavia, quest’anno, il 19 marzo cade di domenica e la festa del patrono della Chiesa universale deve lasciare la “precedenza” alla terza domenica di Quaresima dell’anno liturgico A, la domenica della Samaritana al pozzo, che all’inizio del terzo millennio è diventata l’icona evangelica preferita dai Pontefici per descrivere il modo con cui la Chiesa intende vivere il suo rapporto con il mondo.

Per la Diocesi reggiano-guastallese la terza domenica di Quaresima è poi, da mezzo secolo, la Giornata di preghiera e solidarietà con le missioni diocesane: per don Gianotti, che da oltre vent’anni ha accompagnato il cammino della presenza missionaria in Rwanda, con il Progetto Amahoro (Case della Pace), si tratta dunque di un’altra coincidenza rilevante.

La Cattedrale reggiana per la prima volta, dopo quasi 33 anni, accoglie un evento come quello di un’ordinazione episcopale; l’ultimo evento di tale tenore fu il 16 dicembre 1984, quando venne ordinato l’arcivescovo reggiano Romeo Panciroli (mentre le due successive ordinazioni nel 1995 di Monari e nel 2006 di Ghizzoni furono celebrate in Palasport).

 

La liturgia

Per la celebrazione di domenica pomeriggio la Cattedrale, con gli spazi della cripta e delle cappelle laterali, è attrezzata per accogliere un numero elevato di persone. Per la preparazione della sessantina di sacerdoti reggiano-guastallesi e di Crema invitati ad indossare la casula verrà utilizzato il Battistero, mentre il palazzo vescovile ospiterà per la preparazione i dieci arcivescovi e i quindici vescovi che imporranno le mani su don Gianotti, insieme al vescovo Massimo, presidente della celebrazione. Sarà questo il momento più suggestivo, sottolineato dal silenzio orante di tutta l’assemblea, dopo la processione d’ingresso dal cortile del vescovado al suono delle campane, la memoria del Battesimo nella domenica “della sorgente di acqua viva”, la liturgia della Parola, il solenne inno gregoriano del Veni creator, la richiesta di ordinazione che farà il Vicario generale di Crema, insieme al vicario episcopale don Giovanni Rossi, la lettura della bolla di nomina di Papa Francesco, l’omelia di Camisasca, le interrogazioni, il canto delle Litanie dei Santi, mentre l’eletto è prostrato sul pavimento davanti all’altare. Dopo l’imposizione delle mani, gli arcivescovi e i vescovi circonderanno ancora il vescovo eletto di Crema sino al termine della Preghiera di Ordinazione, mentre due diaconi terranno aperto sul capo di don Daniele l’evangeliario. Unto poi il capo del nuovo ordinato con il sacro crisma, egli riceverà il libro dei Vangeli, l’anello donatogli dal vescovo Massimo, la mitra dono del vescovo di Brescia Luciano Monari (co-consacrante principale insieme al predecessore di Gianotti a Crema, monsignor Oscar Cantoni, ora vescovo a Como) e il pastorale, dono della Diocesi reggiano-guastallese. E così il vescovo Daniele sarà invitato a prendere posto sulla sede episcopale e riceverà l’abbraccio fraterno del nostro vescovo e di tutti i vescovi concelebranti. Dopo la liturgia eucaristica, in cui il nuovo ordinato diventerà il primo concelebrante, il vescovo Daniele percorrerà tutta la navata  per impartire a tutti la benedizione, al canto solenne del Te Deum.

Infine, il vescovo Daniele rivolgerà la parola al popolo e, dopo la processione d’uscita, scenderà di nuovo in Cattedrale, dove saluterà tutti fedeli che lo desiderano.

I diversi momenti della liturgia verranno accompagnati dal canto animato e sostenuto dal Coro diocesano e dell’Istituto diocesano di Musica e Liturgia, allargato alle corali parrocchiali di Bagnolo e Calerno e agli amici che hanno ricevuto tanto da don Gianotti nel suo impegno per la musica e la liturgia.

Gianotti e Camisasca a Bagnolo 9_2_17

Note tecniche e logistiche

Per le auto, sarà a disposizione il parcheggio del Seminario, in viale Timavo 93  a Reggio.  Per gli ingressi in Cattedrale, tutti possibili alle 15.30 (orario di apertura del Duomo), il servizio d’ordine diocesano ha fornito le seguenti indicazioni: ingresso dei sacerdoti non casulati e diaconi: da “Broletto”; ingresso autorità, familiari, vescovi e Case della Carità: dal portone del Vescovado; ingresso fedeli con pass: dal portone centrale; ingresso fedeli senza pass: dal sagrato, porta di destra (posti in piedi); ingresso fedeli senza pass per la cripta (dotata di monitor): da Broletto (posti a sedere fino a esaurimento). Anche dal sagrato sarà possibile ascoltare la liturgia attraverso casse acustiche.

Eventuali variazioni dell’ultim’ora, anche in base al meteo, saranno comunicate sul sito www.diocesi.re.it.

 

Servizio fotografico

Il Centro diocesano per le Comunicazioni sociali invierà a tutte le redazioni giornalistiche diverse foto della celebrazione entro le 18.30, cioè già prima della sua conclusione.

 

Diretta tv e web

La celebrazione del 19 marzo sarà trasmessa in diretta televisiva, con immagini e commento a cura del Centro diocesano Comunicazioni sociali, sui canali 10 e 119 (“Teletricolore”), 645 (“Recs”) e 211 (Cremona1) del digitale terrestre; sarà inoltre in diretta streaming sui siti www.diocesi.re.it  e www.laliberta.info.

 

Dopo l’ordinazione

Altri appuntamenti seguiranno l’ordinazione, in attesa dell’ingresso del vescovo Gianotti a Crema. Mercoledì 22 marzo in Duomo a Guastalla alle 20.30, Messa solenne presieduta dal neo-vescovo Daniele. Nell’occasione monsignor Gianotti pregherà sulla tomba del vescovo di origine cremasca monsignor Agostino Cattaneo, sepolto nella Concattedrale.

Domenica 26 marzo alle 10.30 in chiesa a Bagnolo, Gianotti presiederà la Messa di saluto alle comunità dell’unità pastorale.

Sabato 1° aprile in chiesa a Bagnolo, alle 21, si terrà un concerto d’organo di Juan Paradell Solé, organista titolare Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, con gli ottoni di San Pietro.

don-Gianotti

Ingresso a Crema

In occasione dell’ingresso del vescovo Daniele nella sua nuova Diocesi di Crema, fissato per domenica 2 aprile alle ore 15.30, l’unità pastorale di Bagnolo in Piano organizza per tutta la diocesi il servizio pullman per Crema.

La partenza è fissata per le ore 12.30 da Bagnolo in Piano e Calerno. Quota richiesta (per trasporto a/r): 13 euro. è possibile prenotarsi telefonando alla segreteria dell’unità pastorale (0522.951080) al lunedì e al mercoledì dalle 17.30 alle 18.30 e al venerdì dalle 10 alle 12, oppure scrivendo all’indirizzo info@upbagnolo.it.

Il termine ultimo per le iscrizioni è stato stabilito in venerdì 24 marzo.

Pubblicato in Archivio