Una voce nella mia vita: il Vescovo incontra i giovani

Stampa articolo Stampa articolo

Trae spunto da un verso di Giovanni Pascoli il titolo degli incontri della Quaresima 2017 tra il Vescovo e i giovani: “Una voce nella mia vita”. Tre serate in Cattedrale – i venerdì 17, 24 e 31 marzo PRIMAPAGINA_LaLiberta_20170304con inizio alle 20.45 – con altrettanti ospiti di grande richiamo: la scrittrice Susanna Tamaro, il regista cinematografico Pupi Avati e il cantautore Filippo Neviani in arte Nek (abbiamo messo in fila i loro volti nella copertina di questa settimana). “È un itinerario nuovo quello di quest’anno – racconta il Vescovo a La Libertà – e nello stesso tempo in continuità con gli anni precedenti. Il tema è la vita come vocazione: chi ci ha chiamati a vivere? Che peso ha la vita? Che peso hanno gli incontri che si vivono in essa, le nostre doti, i doni che portiamo?”.
Come nella Lettera pastorale “Vieni e vedrai”, che tanto gradimento ha riscosso, così anche nel trittico di serate con i giovani il Vescovo vuole porre al centro la chiamata continua che è la vita, la multiforme presenza di Dio nelle pieghe del tempo. Le tre serate di Quaresima s’inseriscono a loro volta nel più ampio cammino di avvicinamento, anche della nostra Chiesa, al Sinodo dei vescovi convocato da papa Francesco per l’ottobre 2018 sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”.
Sul percorso abbiamo sentito il Servizio diocesano per la Pastorale giovanile, che promuove gli incontri in Cattedrale.
“Il Papa – dice don Giordano Goccini, responsabile del Servizio – ha una visione molto dinamica della vita e della fede. Se alla Chiesa chiede di mettersi nell’atteggiamento dell’uscire, ai giovani indica come priorità il partire.

Continua a leggere tutto l’editoriale di Edoardo Tincani su La Libertà del 4 marzo

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana