Presentati i laboratori di alfabetizzazione ‘Genitori connessi’

Stampa articolo Stampa articolo

Entra nel vivo Genitori Connessi, il percorso formativo destinato a genitori, insegnanti e operatori scolastici per aggiornarli e responsabilizzarli nel governo degli strumenti digitali presenti a scuola e in casa. L’azione – un programma partecipativo ed educativo promosso dal Comune di Reggio Emilia con la collaborazione del Centro Elearning dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, dell’Università di Milano–Bicocca e di Coopselios – diffonde conoscenze nell’ambito digitale e del suo utilizzo consapevole, e offre l’opportunità, agli adulti, di migliorare le relazioni con i bambini e i ragazzi che pensano e parlano con il linguaggio dei ‘nativi digitali’.

In febbraio – hanno spiegato alla stampa l’assessore ad Agenda digitale e Partecipazione Valeria Montanari e l’assessore a Educazione e Conoscenza Raffaella Curioni – è previsto l’avvio dei laboratori didattici per genitori in cinque sedi scolastiche di Reggio Emilia: istituto comprensivo Sandro Pertini 1 e Sandro Pertini 2, Scuola secondaria di primo grado Leonardo Da Vinci, scuola secondaria di primo grado Marco Emilio Lepido e scuola primaria Giacomo Leopardi.

Dopo una fase sperimentale con il solo istituto Galilei che si è tenuta la scorsa primavera e ha visto in aula una settantina di persone per tre serate di formazione, il progetto è diventato biennale e coinvolgerà tutti i 12 istituti comprensivi di Reggio Emilia.

tutti-connessi3

Nell’attuale anno scolastico 2016-2017 saranno coinvolte le scuole primarie, mentre i restanti sei istituti comprensivi saranno invece coinvolti nell’anno scolastico 2017-2018. Nei mesi di novembre e dicembre 2016, inoltre, è stata avviata una prima fase di formazione di tutor scelti tra insegnanti, atelieristi, educatori, cittadini con competenze digitali, che avranno il compito di affiancare l’aula durante la formazione, ed essere facilitatori dell’iter formativo, per migliorare la relazione bambino-tecnologia-genitore. In questi mesi, infatti, grazie al contributo di Unimore e Unibicocca, con il coordinamento di Coopselios, sono stati formati 32 tutor che a loro volta andranno a formare i genitori, garantendo così l’estensione dei genitori coinvolti, a un costo contenuto.

GLI INCONTRI – Il percorso formativo di “Genitori connessi” per l’anno scolastico 2016/2017 si articolerà in tre appuntamenti da due ore e mezza ciascuno. Il primo, dal titolo “Genitori connessi: come educarsi alle nuove tecnologie”, è rivolto ai genitori di tutti gli Istituti comprensivi della città ed è in programma lunedì 13 febbraio 2017, al Centro internazionale Loris Malaguzzi (viale Ramazzini 72/a), alle ore 20.30. All’iniziativa, a partecipazione libera, intervengono il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi; Paolo Ferri, Professore Associato dell’Università degli Studi Milano Bicocca; Stefano Moriggi, docente presso le Università di Brescia, Parma, Statale di Milano e Semm; Sabrina Bonaccini, direttrice tecnica area educativa, Coopselios; i formatori volontari del percorso di formazione. Coordina Lina Borghi, direttrice area Reggio 1 Coopselios.

A partire da metà febbraio, invece, prenderanno il via i laboratori di formazione per i genitori, che si concluderanno entro il mese di maggio: si tratta di due appuntamenti rivolti ad un gruppo di circa 50/60 genitori per istituto comprensivo, che si articoleranno in lezioni, laboratori, esercitazioni, con il coinvolgimento dei docenti universitari e dei tutor. Il primo dei due laboratori, dal titolo “Vita digitale dei figli”, è un’analisi delle condotte partecipative e delle pratiche cooperative tipiche dei nativi digitali per valorizzarle e trasformarle in efficaci stili di apprendimento. Attraverso esempi opportunamente selezionati di videogiochi e di youtuber, si rifletterà su come queste attività possano essere integrate con l’esperienza formativa e didattica dei bambini e dei ragazzi. Il secondo laboratorio, sul tema “Come relazionarsi con i figli attraverso il digitale”, mira invece ad arricchire il bagaglio di esperienze digitali dei genitori per creare un contesto comune con i propri figli, in modo da aumentare le occasioni di condivisione in famiglia. Sarà esplorato e come si sviluppa la relazione casa/scuola in un contesto didattico arricchito dalle nuove tecnologie, per poter dare continuità al percorso formativo dei proprio figli.

genitori_750

Il percorso formativo si concluderà giovedì 11 maggio con un incontro pubblico in programma al centro internazionale Loris Malaguzzi, dal titolo “Situation Room”. L’appuntamento servirà per fare il punto sul percorso compiuto e ritrovarsi insieme – formatori, docenti e corsisti – per discutere e approfondire gli esiti e i potenziali sviluppi del lavoro svolto.

Le iscrizioni ai singoli laboratori verranno raccolte dalle singole scuole entro il 20 febbraio 2017. Alla fine del percorso, verrà rilasciato un attestato di partecipazione a tutti coloro che hanno frequentato le lezioni.

Programma degli appuntamenti

Istituti comprensivi Pertini 1 e Pertini 2 (via delle Medaglie d’Oro della Resistenza 2)

21 febbraio e 6 aprile, ore 18-20 – “Vita digitale dei figli”

7 marzo e 20 aprile, ore 18-20 – “Come relazionarsi con i figli attraverso il digitale”

Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo Da Vinci (via Monte San Michele, 12)

21 marzo, ore 18-20 – “Vita digitale dei figli”

4 aprile, ore 18-20 – “Come relazionarsi con i figli attraverso il digitale”

Scuola Secondaria di Primo Grado Marco Emilio Lepido (via Premuda, 34)

28 marzo, ore 18-20 “Vita digitale dei figli”

11 aprile, ore 18-20 – “Come relazionarsi con i figli attraverso il digitale”

Scuola Primaria Giacomo Leopardi (via Kennedy, 20)

2 marzo, ore 18-20 – “Vita digitale dei figli”

15 marzo, ore 18-20 – “Come relazionarsi con i figli attraverso il digitale”

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura