Mi piace… un papà autunnale!

Stampa articolo Stampa articolo

La meraviglia e la straordinarietà della natura nel periodo autunnale credo non abbia paragoni. Ogni albero offre agli occhi un dipinto unico e inimitabile; ogni giorno una trasformazione, ogni giorno un mutamento, ogni giorno un dono che la natura offre a grandi e piccoli senza distinzione.

“Chiedimi cosa mi piace” di Bernard Waber, illustrato da Suzy Lee, edito da Terre di Mezzo, ci racconta la storia di un padre e di una figlia che, in uno splendido pomeriggio d’autunno, decidono di uscire per fare una passeggiata nel parco; una giornata ordinaria che diventa un momento unico e prezioso.

La storia è semplice, ma estremamente dolce e, ne sono sicura, farà innamorare dell’autunno chiunque la legga; questo è un racconto che vuole celebrare le piccole meraviglie quotidiane ed il legame tra un papà e la sua bambina.

La prima cosa che mi ha colpito di questo testo sono state le illustrazioni e, in modo particolare, la copertina: spesso le mie scelte sono influenzate dalla copertina e anche questa volta è stato così, d’altro canto stiamo parlando di Suzy Lee, autrice ed illustratrice del famosissimo testo “L’onda”, e da lei non potevamo che aspettarci un capolavoro.

In questo testo possiamo ritrovare perfettamente Suzy Lee con il suo stile ben riconoscibile e molti aspetti che caratterizzavano altre sue opere vengono riproposti. Ciò che salta immediatamente all’occhio è la bambina: se osserviamo la bambina de “L’onda” o di “Mirror” o dell'”Ombra” possiamo ritrovare in pieno la protagonista di questo testo: il personaggio è semplice ed essenziale, disegnato a matita con carboncino nero e con solo un elemento rosso che spicca (la giacca) e, mediante le posture e i gesti, rimanda ad un carattere energico e dinamico della bambina.

Passiamo ai colori: rosso, arancione, giallo, in quanto colori tipici dell’autunno, dominano incontrastati in tutto il testo, forse anche per richiamare il calore e la bontà del rapporto tra i due personaggi della storia. Credo che la caratteristica principale e anche il punto di forza di questo testo sia proprio legata alla capacità dell’autore (Bernard Waber, autore scomparso recentemente e molto conosciuto negli Stati Uniti) e dell’illustratrice di unire parole e immagini: è una relazione strettissima dove i disegni vanno a sostenere, completare e arricchire le parti scritte, creando una completezza strepitosa.

img_7858

“Chiedimi cosa mi piace” di Bernard Waber, illustrato da Suzy Lee, ed. Terre di Mezzo Editore, 2016.

Una particolarità: per le parti scritte vengono utilizzati due colori, il nero per le parole della bambina, mentre l’azzurro scuro per quelle del papà.

Passando al testo, mi sono interrogata più volte sul perché della scelta dell’autunno e di un papà come co-protagonista e non di una mamma.

Forse le risposta sta proprio nella lentezza e nella quiete dell’autunno: un papà sempre indaffarato, sempre occupato da un lavoro che non gli concede un attimo di requie, decide di fermarsi e di dedicare un pomeriggio a sua figlia che, approfittando della situazione e di quell’alone di tuttologia che, diciamocelo, avvolge tanti papà, lo tempesta di domande, spinta dal desiderio di sapere tutto e subito prima che il papà venga riassorbito di nuovo dalle sue cose, prima che l’autunno lasci il posto all’inverno. Un papà che sta al gioco della bambina, asseconda e non si sottrae alle sue richieste, non la contraddice, anzi, le risponde ogni volta con sicurezza e prontezza.

La bambina conduce il gioco sia a livello verbale che non verbale. La dinamicità della protagonista è ben visibile e si può percepire molto bene dalle illustrazioni ed è lei a guidare la passeggiata, mentre il papà, seppur partecipando in modo attivo, è sempre un passo indietro a lei, pronto a sostenerla e  ad incoraggiare le sue ricerche.

E’ dolce e rinfrancante vedere come il rapporto di complicità e la tenerezza tra questo papà e la sua bimba crescano di pagina in pagina, toccando l’apice proprio nel momento forse più difficile e più doloroso nella giornata di un bambino: il momento del sonno notturno, del distacco, anche se momentaneo, dagli affetti.

Mi piace pensare che, una volta chiusa la porta della camera, il papà si sia poi messo comodo sul divano insieme alla mamma e abbia raccontato questo pomeriggio anche a lei, perché, in qualche modo, anche per lui è stato speciale, è stato un momento di lentezza, un momento per riabbracciare il suo io di bambino sentendosi però, nel contempo, un papà al 100%, un papà “slow” come dicono oggi quelli che se ne intendono, un papà autunnale e, sono sicura, che a chi gli avesse domandato “Cosa ti piace?”, avrebbe senz’altro risposto “Un pomeriggio d’autunno con mia figlia”.

Per commentare la rubrica scrivere a  silviabolzoni@laliberta.info 

 

 

Pubblicato in Raccontami una storia Taggato con: