Il maestro del brivido in bilico tra cinema e teatro con “Hitchcock. A love story”

Stampa articolo Stampa articolo

Il 2017 del Teatro Piccolo Orologio si aprirà, sabato 14 gennaio alle ore 21.00, con Hitchcock. A Love story, rocambolesco thriller sentimentale che omaggia i capolavori del maestro del brivido. Lo spettacolo segna il primo appuntamento della lunga “maratona teatrale” che vedrà alternarsi sul palcoscenico di  via Massenet ben 14 spettacoli da gennaio ad aprile, per una seconda parte di stagione più ricca che mai.

Hitchcock. A love story è scritto da Fabio Morgan, diretto da Leonardo Ferrari Carissimi ed interpretato da Anna Favella e Massimo Odierna.  I protagonisti di questa brillante commedia sono due ragazzi col sogno di diventare attori, che si incontrano durante un provino per uno spettacolo teatrale dedicato alla filmografia del grande regista. La loro storia, una storia d’amore ricca di colpi di scena e di pennellate noir, si muove attraverso le fitte trame di Caccia al ladro, Intrigo internazionale, Vertigo, Il delitto perfetto, Psycho, La finestra sul cortile e Gli Uccelli. L’azione scenica si sviluppa in un divertente alternarsi tra la vita privata dei due protagonisti e la storia, sul palco, dei personaggi che interpretano.

“Ho sempre pensato – dice Leonardo Ferrari Carissimi nelle note di regia –  che non si potesse fare il teatro con il teatro ed il cinema con il cinema. Mi spiego meglio: nel mio primo film, Mr. America, c’erano moltissime atmosfere che rimandavano sia a livello tecnico sia a livello recitativo al teatro. Tali atmosfere, tra l’altro, saranno presenti anche nel mio secondo film e non è un caso che La favola bella, l’ultimo cortometraggio che ho girato, sia interamente ambientato in un teatro. Lo stesso vale per gli spettacoli teatrali: essendo il teatro il luogo principe dell’esperienza visiva, non ritengo possibile prescindere, nella contemporaneità teatrale, dalla tecnica cinematografica e dalle sue suggestioni. A questa idea risponde la scelta di incentrare lo spettacolo sulla filmografia di Hitchcock, perché quel tipo di cinema è legato a doppio filo con il teatro, e del teatro restituisce ampiamente i ritmi, i significati, il rapporto tra realtà e finzione. Il teatro deve essere anche un viaggio nella visione e nell’immaginario, così come il cinema di Hitchcock è un cinema che non dimentica la macchina teatrale, straordinaria ed imperfetta finzione che non riproduce la realtà ma la reinventa.”

hitchcock-a-love-story-ph-manuela-giusto2

La compagnia teatrale CK Teatro è stata fondata nel 2008 da Leonardo Ferrari Carissimi (autore e regista), Fabio Morgan (autore, produttore e direttore artistico), Alessandra Muschella (scenografa e costumista) e Anna Favella (attrice). Il primo riconoscimento internazionale ricevuto dalla compagnia è stato per Being Hamlet – La genesi: lo spettacolo ha vinto il premio Fantasio Piccoli (festival internazionale di regia teatrale in Leipzig), rappresentato poi in molti festival teatrali, tra cui Santarcangelo e Volterra.
Dopo questo primo spettacolo, che indagava il rapporto tra la sperimentazione teatrale e i nuovi linguaggi, la compagnia si è diretta verso la costruzione di una nuova drammaturgia che si è valsa del Mythos per raccontare in maniera puntuale e analitica la distorsione dei valori della società contemporanea, sia come individui che come collettività. Il 2015 è l’anno delle grandi produzioni: Tutti i padri vogliono far morire i loro figli è il primo capitolo di una tetralogia che si svilupperà nel corso di quattro anni e Walking on the moon è un progetto prodotto di Be SpectACTive!, network europeo di audience development, che vedrà la compagnia coinvolta in 4 residente internazionali. Nel 2015 ha debuttato al Teatro dell’Orologio di Roma la prima commedia della compagnia, Hitchcock. A love story, grande successo di pubblico e critica.

Biglietti: 14€ e 12€.  Per informazioni e prenotazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com, www.mamimo.it,     0522-383178 dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:30 e nei giorni di spettacolo.

 

Pubblicato in Archivio