Gesù Bambino? Su Google non fa tendenza

Stampa articolo Stampa articolo

Il tempo dell’attesa è ormai compiuto, finalmente è arrivato il Natale. Ma chi hanno aspettato gli italiani, in questo tempo di Avvento? Stando alla rete, non ci sono dubbi: la star indiscussa di fine anno è lui, il panciuto (ma sarà davvero così grasso?) signore con la lunga barba bianca (ma sarà davvero così irsuto e canuto?) vestito di rosso (ma non è che ci facciamo condizionare troppo dalla Coca Cola?) che viene dalla Lapponia (ne siamo certi?) accompagnato da renne volanti ed elfi (e vabbè, dai…).

E Gesù Bambino? Non pervenuto, ahimè, o quasi.

trend_gesu_babbonatale_30giorni

 

Il grafico che vedete sopra è preso da Google Trends, risorsa gratuita in che il colosso di Mountain View mette a disposizione per monitorare le tendenze delle ricerche sul proprio motore, quindi, di fatto, il più completo e veritiero osservatorio dei nostri interessi.

Cliccate sul link, se volete, e divertitevi un po’ a fare le analisi e i confronti più disparati, filtrando per categoria, area geografica e finestra temporale, aggiungendo e modificando termini o argomenti da mettere in comparazione.

L’unica avvertenze è che questo strumento non fornisce dati assoluti ma trend, appunto, tendenze, parametrizzate su una scala con picco 100.

Su Google Trends trovate anche la situazione delle ricerche più in auge in tempo reale: mentre sto scrivendo, come si vede nello screenshot qui sotto, pare che ai nostri connazionali interessi approfondire soprattutto temi calcistici (del resto è domenica sera) e un programma in onda in questo momento su Canale 5 che ha come protagonisti la soubrette Michelle Hunziker e il gruppo musicale Il Volo… (eh già…).

trend_live_18122016

 

E, visto che siamo a fine anno, c’è ovviamente anche il riassunto delle parole e degli argomento più cercati nel 2016. A livello planetario (anche in questo caso si può infatti filtrare per area geografica) il risultato è questo:

trend_top_2016

 

Lascio a ciascuno le proprie considerazioni sul fatto che la parola più desiderata dell’anno nel mondo sia stata Pokèmon Go.

Perché questo presunto marchettone per Google Trends? Non c’è nessun motivo particolare, io vi faccio ricorso abitualmente per il mio lavoro e allora ho provato ad impiegarlo anche per qualche riflessione natalizia: e ho avuto purtroppo la conferma che la venuta di Nostro Signore non è più molto trendy.

 

Per commentare la rubrica scrivi a matteo.iori@laliberta.info

 

 

Pubblicato in Orti digitali Taggato con: