In 9 mesi export reggiano a +2,6%. Bene l’Europa, USA in volo

Stampa articolo Stampa articolo

Dai mercati esteri continuano a giungere segnali positivi per le esportazioni di prodotti “made in Reggio”.
Nei primi nove mesi del 2016, infatti, le esportazioni reggiane hanno raggiunto i 7,2 miliardi di euro, vale a dire il 2,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2015. In controtendenza le importazioni che si sono attestate, da gennaio a settembre dell’anno in corso, attorno 2,7 miliardi rispetto ai 2,8 dei primi nove mesi del 2015. Il saldo commerciale tra export ed import, con quasi 4,5 miliardi, è quindi cresciuto del 7,1%.
Siamo evidentemente molto soddisfatti di questo andamento delle esportazioni – sottolinea il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landiche offrono un riscontro positivo anche rispetto alle risorse economiche messe in campo dalla Camera di Commercio per il supporto all’internazionalizzazione delle imprese reggiane“.
“Nonostante la riduzione delle risorse disponibili, legate alle più recenti azioni del Governo in materia di riforma delle Camere di Commercio – spiega al proposito Landi – per il 2016 abbiamo export-set-2016assicurato 1,276 milioni alle azioni di sostegno alle esportazioni, cifra fra le più alte degli ultimi anni“.
Gli ultimi dati – prosegue Landi – ci confermano che siamo in presenza di un andamento molto favorevole che sottolinea la capacità competitiva delle imprese reggiane e  che occorre consolidare ulteriormente“.
Proprio per questo – conclude il presidente della Camera di Commercio – quest’anno abbiamo puntato soprattutto ad estendere il numero delle imprese che hanno rapporti con l’estero e, contemporaneamente, ad azioni di incoming tanti paesi esteri (Germania, Austria, Area Scandinava, Russia, Stati Uniti e Canda, Giappone e Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, solo per citarne alcuni) che hanno messo in evidenza alcuni dei settori trainanti la nostra economia, con particolare attenzione a metalmeccanica, oleodinamica, agroalimentare, moda e filiera del costruire e dell’abitare“.
L’aumento delle esportazioni registrato nei primi nove mesi del 2016, come rilevano le analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio sui dati diffusi dall’Istat, è sicuramente influenzato dal +3,1% che si registra nelle vendite verso l’Europa, passate dai 4,979 miliardi del periodo gennaio-settembre 2015 ai 5,135 miliardi del 2016. Il Vecchio Continente, con il 71,8% del totale esportato, continua dunque a rappresentare non solo il principale acquirente di prodotti reggiani, ma registra anche una crescita percentuale superiore alla media generale.
Ai primi due posti della graduatoria dei Paesi verso i quali sono dirette le nostre merci si posizionano due paesi europei, Germania e Francia; in particolare, le vendite di merci “made in Reggio Emilia” verso la Germania sono cresciute, nei primi nove mesi del 2016, del 3,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, mentre sono in lieve flessione quelle verso la Francia (-1%). Continua la ripresa delle esportazioni verso la Russia che, registrando un +3,5%, superano i 180 milioni di euro; ancora in calo le vendite dirette verso la Turchia (-6,7%%).
Positivo l’andamento delle vendite di prodotti reggiani sia verso l’Asia che verso l’America: il continente americano, con 842,4 milioni di esportato ed un incremento dell’1,4%, supera quello asiatico (830,9 milioni) e diventa, a settembre di quest’anno, il nostro secondo maggior acquirente dopo l’Europa.
Determinante per il trend dell’export verso l’America è stata la crescita delle vendite verso gli Stati Uniti che, con 550,5 milioni ed una crescita rispetto al 2015 del 4,9%, si posizionano saldamente al terzo posto della graduatoria dei nostri principali clienti e si confermano primo Paese extra Europa per prodotti reggiani acquistati. Incremento a due cifre, poi, per il Messico (+14,4%) verso il quale sono diretti merci per quasi 93 milioni.
Fra i prodotti di punta dell’economia reggiana registrano andamenti positivi, nel primi nove mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015, i prodotti metalmeccanici che crescono del 3,5% e raggiungono i 3,6 miliardi di esportato, continuando a rappresentare circa la metà del totale dell’export reggiano; il tessile-abbigliamento raggiunge il valore di quasi 1,3 miliardi con un aumento del 3,4%; la ceramica, passando da 781,4 a 840,2 milioni euro, registra un +7,5%; l’elettrico-elettronico cresce dell’1,2% raggiungendo i 617 milioni; in crescita del 2,4% la gomma-plastica il cui export raggiunge quasi i 100 milioni.
In flessione, invece, gli alimentari-bevande, il cui export passa da 460 milioni dell’anno passato ai 438,7 milioni del 2016 (-4,6%). In calo del 6,3%, infine, altri prodotti manifatturieri che scendono da 366,5 milioni dei primi nove mesi 2015 a 343,6 dell’analogo periodo di quest’anno.

Pubblicato in Articoli, Associazioni