A Canali un Natale di solidarietà per i terremotati

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo la pastasciutta all’amatriciana del 18 settembre (oltre 300 persone presenti, 2.320 euro di incasso) e il concerto benefico del mezzosoprano Martina Belli del 16 ottobre, la frazione di Villa Canali si stringe nuovamente alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto del 24 agosto ad Amatrice e da quelli successivi del 26 e 30 ottobre, con epicentro a Visso e Norcia.

In paese, infatti, da sabato si susseguono lungo via Tassoni (che attraversa tutta la frazione), in via San Marco (che collega alla chiesa parrocchiale) e in altre strade, oltre 100 decorazioni natalizie affisse a pali, alberi e lampioni. Ognuna di esse, insieme a quello rivolto ai residenti, esprime un augurio di buon Natale a cittadine, paesi e frazioni divenute tristemente note  proprio a causa delle devastazioni e delle morti causate dal sisma.

Fiocchi rossi e dorati, in sequenza, ricordano così Amatrice, Norcia, Ussita, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto, Visso, Camerino, Preci e Villa San Lorenzo, frazione di Amatrice con la quale Villa Canali si è gemellata ed alla quale ha destinato le offerte raccolte con le iniziative solidali delle scorse settimane.

“Non è solo un modo per ricordare le famiglie e le persone che sono state colpite da lutti e sofferenze – sottolineano i volontari del locale circolo Anspi “San Marco” che sabato hanno sistemato le decorazioni – ma per esprimere una profonda vicinanza che continua e continuerà al di là delle emozioni e del dolore provato quando si sono verificati quei disastrosi eventi”.

Sentimenti di solidarietà e di prossimità, dunque, che si rinnovano e che, grazie ai decori natalizi, possono essere nuovamente condivisi anche da chi passa dal centro della frazione reggiana, sia provenendo dalle colline che portandosi in direzione Albinea.

decori-natalizi-a-canali

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura