Terra Santa, dove il Signore è capace di sorprese grandi

Stampa articolo Stampa articolo

Il vescovo Shomali è intervenuto in videoconferenza dal Patriarcato di Gerusalemme

A l canto dei quattrocento Amici di Terra Santa riuniti venerdì 2 dicembre al Midì di Mancasale per il tradizionale incontro prenatalizio che intonavano “Adeste fideles” si è unito via Skype dal Patriarcato latino di Gerusalemme il vescovo ausiliare William Shomali.
Un incontro via telematica veramente efficace ed entusiasmante, che ha ulteriormente rafforzato il legame di tantissimi reggiani e non con i luoghi di Gesù, ancora martoriati da conflitti e miseria. Guida e motore della serata monsignor Gianfranco Gazzotti, che da ben 46 anni guida ed anima periodici pellegrinaggi in Terra Santa. Sono occasione di visita approfondita ai luoghi dove ancora si avverte la presenza del Cristo, di preghiera e di celebrazioni in località simbolo, ma anche di generoso aiuto economico a istituzioni caritative, educative e ospedaliere cattoliche rivolte a tutta la popolazione della Palestina.
“Percorrere i sentieri della Terra Santa è una grazia, una grande grazia. Questa grande grazia è rinnovata numerose volte, tutte le volte in cui siete venuti in Terra Santa, e lei, monsignor Gazzotti, l’ha condivisa con amore e passione trasmettendola a tutti i pellegrini che ha accompagnato con entusiasmo, sui passi di Gesù”: così si espresse nel dicembre di due anni fa il padre francescano Ibrahim Faltas intervenuto al tradizionale incontro.

Leggi tutto l’articolo di Giuseppe Adriano Rossi su La Libertà del 10 dicembre

Clicca e scopri le nostre offerte di abbonamento

sala

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana