Saggezza cristiana dei nostri vecchi

Stampa articolo Stampa articolo

Distillati di saggezza popolare dal significato evangelico

Modi di dire o proverbi sapienziali che qualcuno ha definito “distillati” di saggezza, raccolti goccia a goccia, lungo i secoli, estraendo il meglio delle esperienze e delle riflessioni. Basterebbe questo collaudo per accettarli come il meglio anche della razionalità; ma, esaminandoli con attenzione, vi si scorge anche il fondo evangelico portato nella cultura popolare da secoli di catechesi, predicazione, liturgia. I detti che seguono, raccolti in un quarantennio di osservazioni, in corriera, in sale d’aspetto di medici o d’ospedali, in veglie funebri, attestano che quando la vita comincia a presentare il conto, e ci si riflette sopra con sincerità d’animo e chiarezza di mente, allora si riscoprono le verità essenziali. E che queste hanno precise coincidenze con il Vangelo.

«Durmir e bevre a la matina j’arvinen la famiulina». Dormire e cominciare a bere vino fin dal mattino sono la rovina della famiglia. Al contrario, alzarsi presto e non bere alcolici, cioè laboriosità e sobrietà, come dicono altri proverbi italiani, hanno “l’oro in bocca”.

Continua a leggere tutto il saggio di Giuseppe Giovanelli su La Libertà del 26 novembre 

Clicca e rinnova online il tuo abbonamento

angelus

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura