La musica per il culto di San Prospero

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 26 novembre 2016 alle ore 10.00 nella Basilica di San Prospero la Sezione di Reggio Emilia della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi in collaborazione con l’Insigne Basilica di San Prospero terrà una seduta di studio monografica sulla musica per il culto di san Prospero. La seduta si svolge in occasione della festa del Patrono e vuole far conoscere un cospicuo patrimonio musicale composto in onore di San Prospero.
Sono previste le relazioni di Stefania Roncroffi “Le più antiche testimonianze dell’ufficio di san prospero”; Cesarino Ruini “Continuità e variazioni nella preghiera liturgica per il santo Patrono”; Silvia Perucchetti “I manoscritti di musica polifonica della basilica di san Prospero”.
Il coro della Cappella Musicale San Francesco da Paola di Reggio Emilia, diretto da Silvia Perucchetti, eseguirà brani gregoriani e polifonici conservati nell’Archivio della basilica.
La seduta è aperta al pubblico.

cappellamusicalesanfrancescodapaola

Relatori
Stefania Roncroffi
Nata a Castelnovo ne’ Monti, è laureata in Materie letterarie e in Conservazione dei Beni Culturali ed è dottore di ricerca in Musicologia e Beni Musicali. Ha pubblicato una trentina di testi di interesse musicologico dedicati in prevalenza alla monodia liturgica medievale, tra cui Il fondo musicale della Basilica di San Prospero a Reggio nell’Emilia, e Psallite sapienter. Codici musicali delle Domenicane bolognesi, entrambi editi dalla casa editrice Olschki di Firenze. È docente di Storia della musica nei corsi di Alta Formazione dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “A. Peri” di Reggio Emilia.

Cesarino Ruini
Professore ordinario di Storia della Musica medievale e rinascimentale e Paleografia musicale nella Scuola di Lettere e Beni culturali (Università di Bologna), ha condotto ricerche e pubblicato studi sulla trattatistica musicale medievale e sulla tradizione del canto liturgico della chiesa latina. Ha approfondito le tematiche relative alle fonti della riflessione teorica sulla musica e del patrimonio musicale gregoriano in stretta relazione con la pratica esecutiva e cercando di far emergere i reciproci influssi tra tradizione scritta e trasmissione orale, come manifestazioni specifiche di un più ampio contesto culturale. E’ membro del Comitato direttivo del «Saggiatore musicale»; del comitato scientifico dell’omonima rivista e di «Musica docta. Rivista digitale di Pedagogia e Didattica della musica». Dirige la collana “Le regole della musica”, dedicata alla traduzione commentata con testo originale a fronte dei principali trattati di teoria musicale medievali, per conto della casa editrice Edizioni del Galluzzo (Firenze).

Silvia Perucchetti
Ha iniziato a studiare pianoforte a Parma con Alessandro Nidi, per poi continuare a Reggio E. con Lorenzo Fornaciari; ha inoltre studiato canto barocco sotto la guida di Monica Piccinini e frequentato i corsi di direzione corale e polifonia rinascimentale tenuti da Claudio Chiavazza. Nel 2009 si è laureata cum laude in Musicologia presso l’Università di Pavia-Cremona con una tesi di specializzazione dedicata ai repertori sacri a tre voci fra‘500 e ‘600. Ha insegnato Teoria musicale presso l’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Modena e pianoforte e solfeggio presso la Scuola di Musica di Sant’Ilario d’Enza. Attualmente è bibliotecaria presso la Biblioteca Musicale Gentilucci dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “A. Peri”; ha catalogato fondi antichi e musicali conservati nella Biblioteca Panizzi, nella Biblioteca Sereni dell’Istituto Cervi e nell’Archivio del Teatro Valli. Ha al suo attivo pubblicazioni di saggi musicologici, fra cui la redazione della voce “Italia. La musica sacra. Il Seicento all’interno” dell’Enciclopedia Ortodossa (Mosca 2012). Dal 2006 dirige il Coro della Cappella Musicale S. Francesco da Paola e il Coro Mavarta di Sant’Ilario.

Coro della Cappella musicale San Francesco da Paola di Reggio Emilia
Fondato nel 1995 dall’organista Renato Negri, è diretto dal 2006 dalla musicologa Silvia Perucchetti. Composto da musicisti, appassionati e musicologi, attualmente il Coro si rivolge al repertorio del pieno Rinascimento ed è da 10 anni impegnato in un progetto di studio, trascrizione ed esecuzione concertistica di musiche polifoniche inedite di autori reggiani, spaziando dal canto gregoriano in uso presso le basiliche cittadine nel Medioevo al ‘600 di Maurizio Cazzati. In 21 anni di attività ha tenuto concerti in innumerevoli centri emiliani e nelle basiliche più prestigiose di Venezia, Brescia, Paola, Cremona, Desio Sesto San Giovanni, Bologna, Parma, Forlì, Casalmaggiore, Fidenza e nel Duomo di Modena.

Pubblicato in Archivio