Folla alla chiusura diocesana dell’Anno Santo straordinario

Stampa articolo Stampa articolo

Istituiti 4 accoliti, consegnata la Lettera pastorale

Papa Francesco, nella Bolla “Misericordiae Vultus”, ha stabilito che l’Anno Santo straordinario della Misericordia si concluda il 20 novembre 2016, solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo. Ma in tutte le Chiese particolari la chiusura è della Porta santa è avvenuta il 13 novembre. Così è stato a Reggio Emilia nel pomeriggio di domenica scorsa, con la celebrazione diocesana presieduta dal vescovo Massimo Camisasca, nell’anniversario (anticipato dal 18 novembre) della Dedicazione della Cattedrale. Grande la folla dei partecipanti, quasi 1.500.
Già un’ora prima dell’inizio hanno risuonato le campane e la porta laterale sinistra è rimasta aperta per consentire a tutti i fedeli di compiere per l’ultima volta il passaggio attraverso la Porta della Misericordia.
L’omelia del vescovo Massimo, che proponiamo integralmente alle pagine 1 e 3, ha avuto un particolare accento sul ministero dei sacerdoti alla luce del Giubileo, indicando il lascito dell’Anno Santo nel Confessionale e nelle opere di misericordia. (clicca per vedere tutte le foto)

Leggi l’articolo su La Libertà del 19 novembre

Abbonati online al nostro giornale

dsc_0257

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana