Appuntamento imperdibile a Bibbiano con Paolo Rumiz

Stampa articolo Stampa articolo

Giovedì 10 novembre, nell’ambito del Reggio Film Festival, un’occasione imperdibile.

Lo spettacolo “La voce della strada”, di Paolo Rumiz e Alessandro Scillitani, presentato al Festival della Mente di Sarzana, sarà proposto al Teatro Metropolis di Bibbiano.

L’evento, realizzato in collaborazione con Comune di Bibbiano, Gruppo Escursionisti Bibbiano, ARCI, è un insieme di racconti, musica dal vivo, visual aventi come filo conduttore la via Appia.

Un racconto di viaggio che è come uno spartito, con l’inizio inteso come Ouverture. Un evento acustico, organizzato per l’orecchio e la voce, che incide parole narrabonde sul solco del vinile con la puntina di grammofono della voce. Paolo Rumiz racconta l’avventura magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, lungo la più antica via europea. Alessandro Scillitani descrive gli spazi attraversati mediante montaggi visuali e sonori, accompagnati dalle musiche da lui composte, lungo il cammino, eseguite dal vivo dai Faberscik, gruppo di talentuosi musicisti  (Tommi Prodi, chitarra; Stefano Ferrari, violino; Marco Macchi, piano; Mimmo Fontana, batteria). Completano il percorso citazioni di illustri viaggiatori, letture dal libro Appia di Rumiz e le musiche originali di Alfredo Lacosegliaz.la-voce-della-strada

Nel corso della serata, sarà ospite anche Fausto De Stefani. Il celebre alpinista e viaggiatore dialogherà con Paolo Rumiz raccontando i suoi viaggi e il suo impegno per la costruzione di scuole per bambini senza fissa dimora in Nepal. “E’, per noi, motivo di grande orgoglio ospitare a Bibbiano uno degli eventi più significativi del Reggio Film Festival – dichiara il sindaco Andrea Carletti – rassegna culturale di respiro internazionale. L’evento che si svolgerà giovedì al Metropolis rientra in un più ampio progetto di valorizzazione dei luoghi della Cultura del nostro territorio, in questo caso del teatro. Ringrazio Alessandro Scillitani, curatore artistico del Festival, che ha raccolto l’invito a portare il festival in Provincia, coinvolgendo nuovi spazi, contesti e risorse. Ringrazio l’ Arci e il GEB, Gruppo Escursionisti Bibbianesi, in particolare gli amici Enzo Zannoni e James Garimberti, per il contributo determinante alla realizzazione della serata.”

Il gruppo dei Faberscik nasce nel 2008 come  tributo ai grandi cantautori Fabrizio De André e Giorgio Gaber, vere icone della musica d’autore italiana. Il repertorio poi si è allargato all’esecuzione dal vivo dei brani composti da Alessandro Scillitani per i suoi film.

Paolo Rumiz è giornalista e scrittore triestino. Molto noti i suoi racconti di viaggio per La Repubblica, che hanno avuto inizio nel 2001 quando, in compagnia di Emilio Rigatti e del vignettista Francesco Tullio Altan, percorse in bicicletta i quasi 2.000 km che separano Istanbul da Trieste.

Da allora, ogni anno, nel mese di agosto, Paolo Rumiz compie un viaggio che racconta in una serie di articoli pubblicati sul quotidiano: a bordo di una Topolino, sui treni di seconda classe, in barca a vela. Rumiz utilizza sempre i mezzi più disparati per raccontare i luoghi minori, alla ricerca di pezzi di storia dimenticati e nascosti.

Alessandro Scillitani è autore di documentari, di cui realizza anche le musiche. Con Paolo Rumiz ha collaborato, tra l’altro, in Il risveglio del fiume segreto (Tico Film, 2012), presentato alla 69ª Mostra del Cinema di Venezia, L’Albero tra le Trincee (Artemide Film, 2013) e Il cammino dell’Appia Antica (Artemide Film, 2015). Molte delle sue opere sono state distribuite con la Repubblica, riscuotendo notevole successo.

Ingresso 10 euro. Prevendita presso  Biblioteca di Bibbiano (Piazza D. Chiesa, 1) Dal Lunedì al Venerdì 15-19 / Sabato 9-13

Info: Biblioteca 0522/253230 – Ufficio Cultura 0522/253231, Arci Reggio Emilia (Viale Ramazzini 72, Reggio Emilia) Orario 10 -13 / 15.30 -17.30 (si consiglia di chiamare prima per accordarsi  – 0522.392137)

Prevendita on line: www.ticketland1000.com

Pubblicato in Archivio