Il traffico clandestino di minerali dall’Africa

Stampa articolo Stampa articolo

Repubblica Democratica del Congo: dura realtà il lavoro in miniera

Immagina di essere nato nell’Est della Repubblica Democratica del Congo (Congo RD). Hai una sola possibilità di sopravvivere: lavorare nella miniera di cassiterite (da cui si ricava lo stagno), wolframite (da cui si ricava il tungsteno), oro e coltan che si trova vicino a casa tua. Se sei un bambino il tuo compito sarà inoltrarti nei cunicoli più angusti; se sei un giovane od un uomo scaverai tutto il giorno e separerai il minerale dalla terra; se sei una donna sarai incaricata di trasportare sulle spalle i sacchi di minerali (anche 50 kg per volta) fino al più vicino centro di acquisto, a volte poco distante dalla miniera, a volte lontano, in città. Guadagnerai una paga misera, che ti permetterà appena di comperarti qualcosa da mangiare. Sarai pagato dal gruppo di ribelli o di militari (generalmente stranieri ma qualche volta anche congolesi) che si arrogano il diritto di gestire la miniera.

Leggi tutto l’articolo di Donato Frigerio nella pagina Ottobre Missionario su La Libertà del 22 ottobre

BLOCCA IL PREZZO! Abbonati entro il 15 novembre e paghi il prezzo vecchio

ottobre-missionario

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana