La Veglia missionaria raccontata in foto

Stampa articolo Stampa articolo

Giovedì 20 ottobre, a Reggio Emilia, nella chiesa di Sant’Alberto di Gerusalemme, presieduta dal vescovo Massimo, si è tenuta la Veglia missionaria diocesana.

In quest’occasione sono stati conferiti diversi mandati missionari: a don Luigi Ferrari (Fratello della Carità) che ripartirà per la Diocesi sorella di Ruy Barbosa, Bahia-Brasile; ad Anna Picciati di Ospizio, giovane medico che partirà insieme a Cristina Orlandini, logopedista originaria di Villa Sesso, per un anno di servizio missionario in Madagascar (Ospedale di Ampasimanjeva).

Virginia Beltrami, educatrice di Budrio di Correggio, e Federica Menozzi, educatrice di San Tommaso della Fossa (Bagnolo in Piano) andranno per un anno a svolgere servizio in Albania.

Ha ricevuto il mandato anche Giulia Caraffi, già missionaria laica in Madagascar, collaboratrice per il programma “Misericordiando” del Centro diocesano Comunicazioni sociali e ora in partenza alla volta del Kenya per un anno di Servizio civile con Caritas Ambrosiana. Alla Veglia, inoltre,hanno ricevuto il mandato di rientro dalla missione don Luigi Gibellini, rientrato dal Brasile dopo 10 anni di servizio pastorale nella diocesi di Ruy Barbosa, Agnese Bertacchini e Chiara Folloni, da poco rientrate dal Madagascar dopo un anno di servizio missionario, nonché Silvia Cattani rientrata da un anno di Servizio civile in Mozambico con Caritas di Roma.

In questa gallery a cura del Servizio fotografico del Centro diocesano Comunicazioni sociali si possono rivivere tutti i momenti più belli della veglia.

Per ordinare le foto clicca QUI

DSC_1569

Immagine 1 di 55

DSC_1569

Messaggio di papa Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale

In questa Giornata Missionaria Mondiale (domenica 23 ottobre) – scrive papa Francesco nel suo messaggio – “siamo tutti invitati ad «uscire», come discepoli missionari, ciascuno mettendo a servizio i propri talenti, la propria creatività, la propria saggezza ed esperienza nel portare il messaggio della tenerezza e della compassione di Dio all’intera famiglia umana. In forza del mandato missionario, la Chiesa si prende cura di quanti non conoscono il Vangelo, perché desidera che tutti siano salvi e giungano a fare esperienza dell’amore del Signore. Essa «ha la missione di annunciare la misericordia di Dio, cuore pulsante del Vangelo» (Bolla Misericordiae Vultus, 12) e di proclamarla in ogni angolo della terra, fino a raggiungere ogni donna, uomo, anziano, giovane e bambino. La misericordia procura intima gioia al cuore del Padre quando incontra ogni creatura umana; fin dal principio, Egli si rivolge amorevolmente anche a quelle più fragili, perché la sua grandezza e la sua potenza si rivelano proprio nella capacità di immedesimarsi con i piccoli, gli scartati, gli oppressi (cfr Dt 4,31; Sal 86,15; 103,8; 111,4).

Continua a leggere il messaggio di papa Francesco su La Libertà del 22 ottobre

BLOCCA IL PREZZO! Se rinnovi il tuo abbonamento prima del 15 novembre, paghi il prezzo vecchio!

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana