Diocesi in lutto per la morte di don Orazio Salsi

Stampa articolo Stampa articolo

Si è spento il 20 ottobre dopo una grave malattia, nella Casa del Clero di Montecchio, dove si trovava ricoverato da due anni, il parroco emerito di Fabbrico don Orazio Salsi, Servo della Chiesa.

Nato a Cadè il 30 gennaio 1940, rimasto presto orfano di entrambi i genitori, Salsi entrò adolescente nel Collegio guastallese dei Servi della Chiesa, quindi nel Seminario di Guastalla. Ricevette l’ordinazione presbiterale il 26 giugno 1966 e venne inviato come vicario cooperatore dapprima a San Gregorio Magno alla Magliana, a Roma, fino al 1975, poi un anno in Spagna, presso i Servi della Chiesa, e successivamente a Novellara (1976-1979) e a Castellarano (1979-1983).

Nel 1983 don Orazio fu nominato parroco a Prignano sulla Secchia (provincia di Modena, diocesi di Reggio Emilia), dove restò per oltre vent’anni sino al 2005, divenendo nel frattempo amministratore parrocchiale di Saltino (1992-2005) e di Castelvecchio (1997-2005), comunità che oggi formano un’unica unità pastorale.

don-orazio-salsi

Nel 2005 don Salsi venne trasferito parroco a Fabbrico. Qui ha svolto il suo ministero fino al gennaio 2015.

“Uomo estremamente generoso, dinamico, aperto a tutti, molto affettuoso, con una fede solida”: così lo ricorda il superiore dei Servi della Chiesa, don Emanuele Benatti. “Don Orazio si è sempre  donato con amicizia e calore a ogni comunità in cui è stato inviato, soffrendo ogni volta il distacco proprio per questi motivi; la sua vita è stata ricca di incontri e di rapporti veri e profondi con le persone”.

La celebrazione esequiale, presieduta dal vescovo Massimo Camisasca, si terrà lunedì 24 ottobre alle 14.30 nel Santuario della Beata Vergine dell’Olmo, in Montecchio.

La salma riposerà nel cimitero di Cadè.

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana