Le opere di Gianpaolo Sabadini in mostra a Bibbiano

Stampa articolo Stampa articolo

La Galleria comunale d’Arte contemporanea l’Ottagono di Bibbiano (RE) ospita fino al 30 Ottobre “Il mondo dei sogni, paradossi, allusioni, metafore, ecc.”, la personale del pittore Gianpaolo Sabbadini, a cura di Silvio Panini e con interventi di Virginia Cipressi.

L’artista continua la serie di opere iniziata nel 2011, quando ha radicalmente cambiato il modo di comporre la stesura del dipinto. Da figurativo tradizionale, a fantastico surreale. I soggetti  ora, sono i prodotti della fantasia dell’artista, senza le costrizioni e limitazioni del reale: personaggi piccoli, strani, disegnati a mano libera con le loro imperfezioni, ma soprattutto libere da qualsiasi legge fisica, meccanica, o compositiva. Danzano, suonano, corrono, recitano, si muovono con veicoli assurdi su strade che sembrano mensole. Creando, agli occhi di chi guarda, un conflitto tra la realtà quotidiana e la fantasia.

Il mondo dei sogni, l’ assurdo, il paradosso, le allusioni, le metafore e la ricerca dell’elemento surreale sono, nelle creazioni di Sabbadini, “strumenti utili” a deformare la monotonia della realtà quotidiana. I suoi soggetti sono personaggi non collocabili in nessuna epoca storica; essi sono caratterizzati dalla ripetizione ossessiva della stessa figura, come se i personaggi fossero su un palcoscenico a recitare.

Gianpaolo Sabbadini (Carpi, 1953) vive e lavora a Gargallo di Carpi. Si è avvicinato alla pittura verso i vent’anni. La sua formazione di artista è iniziata presso lo studio del pittore Aniceto Barbieri. Sabbadini espone per la prima volta nel ’75 alla Sala Gialla di Carpi. Nel 1978 entra a far parte dell’ azienda “Edizioni Panini” in qualità di disegnatore. L’esperienza industriale dà modo al pittore di sperimentare tecniche differenti e di completare il proprio background nel campo delle arti visive. La sua prerogativa è la ricerca continua, l’esplorazione di nuove forme di espressione, sia tecniche sia di materiali.

La mostra sarà visibile ogni Sabato e Domenica fino al 30 Ottobre 2016 dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 16 alle 19.

att7262d

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura