Anche Guastalla partecipa al “Wiki Loves Monuments”

Stampa articolo Stampa articolo

Settembre è il mese di Wiki Loves Monuments, il più grande concorso fotografico dedicato al patrimonio culturale, a cui aderisce anche il Comune di Guastalla con ben 19 soggetti, tra edifici e monumenti da fotografare. Basta fotografare uno o più monumenti nella lista di quest’anno e caricare l’immagine via internet sulla banca dati e immagini di Wikipedia.

L’Emilia Romagna si valorizza e si promuove on line con la quinta edizione di Wiki Loves Monuments – Dalla collaborazione tra Apt, Unione Prodotto Città d’Arte e Mibact, parallelamente un contest speciale che mette al centro dell’obiettivo le migliori eccellenze artistiche regionali secondo Touring Club Italiano, da oltre un secolo punto di riferimento nell’editoria travel in Italia.

facciata-teatro-ruggero-ruggeri

Facciata del teatro Ruggero Ruggeri

Per tutti i fotografi, fotoamatori e Instagramers c’è tempo fino al 30 settembre per partecipare alla V edizione di Wiki Loves Monuments (www.wikilovesmonuments.it), il più grande concorso fotografico digitale al mondo che valorizza attraverso il web i patrimoni artistico-culturali locali. ANCHE GUASTALLA partecipa all’inizativa con 19 soggetti, tra edifici e monumenti da fotografare.

Promosso da Wikipedia,  tra i dieci siti attualmente più visitato al mondo, e coordinato da Wikimedia Italia, il concorso è aperto a cittadini e turisti che, chiamati a giocare il ruolo di fotoreporter, intendono contribuire a documentare attraverso il web ricchezze culturali, storiche di un territorio specifico. Tutte le immagini in concorso diventano così patrimonio condivisibile, comune e universale grazie alla loro circolazione in rete con licenza di Creative Commons. Sono in tutto 680 i monumenti “liberati”, cioè resi fotografabili quest’anno in tutta la regione che partecipa a questa V edizione del concorso con l’adesione di ben 88 istituzioni regionali tra comuni (65), province (2), Fondazioni (5), parrocchie e Diocesi (5), istituzioni private tra cui musei, gallerie, castelli, associazioni e comunità (la lista completa su http://wikilovesmonuments.wikimedia.it/wlm2016-liste-monumenti-ed-elenco-enti/emilia-romagna/, mentre i beni culturali che partecipano sono mappati su “http://www.patrimonioculturale-er.it/“.

img_6192-torre-civica

Torre Civica

Dopo essersi aggiudicata l’edizione 2015 di Wiki Loves Monuments con lo scatto di Casone Serilla (FE) realizzato dal bolognese Vanni Lazzari, prima classificata delle 294 immagini finaliste in Italia sulle oltre 12.000 immagini caricate on line da 947 uploaders partecipanti, l’Emilia Romagna quest’anno aggiunge nell’ambito della sua partecipazione a Wiki Loves Monuments un contest speciale che mette al centro dell’obiettivo ben 73 monumenti “stellati”: si tratta delle eccellenze culturali e artistiche regionali contrassegnate da un asterisco nella Guida d’Italia, la mitica guida “Rossa” edita dal Touring Club Italiano, partner di APT, Segretariato Regionale del MIBACT e Unione Città d’Arte nell’organizzazione di questo originale e inedito “contest nel contest” che attribuirà tre premi ai primi tre classificati secondo il parere della giuria.

ELENCO DEGLI EDIFICI E MONUMENTI GUASTALLESI DA FOTOGRAFARE

Palazzo Ducale, via Gonzaga 16

Statua bronzea di Ferrante Gonzaga, piazza Mazzini

Palazzo Municipale, piazza Mazzini

Palazzo Frattini, piazza Garibaldi

Torre Civica, piazza Matteotti

Teatro Comunale R. Ruggeri, via Verdi

Monumento ai Caduti, piazza Martiri e Patrioti

Monumento a Giuseppe Garibaldi, piazza Garibaldi

Chiesa conventuale del Santissimo Crocefisso, via delle Caserme

Chiesa di San Francesco, via Passerini 1

Cimitero di San Rocco, via Ponte Pietra Superiore

Cimitero Monumentale Urbano, viale Cappuccini

Ex Chiesa di San Carlo, via Spallanzani

Ex Macello Comunale, via Circonvallazione 77

Scuola Elementare E. De Amicis, via Affò

Ex Scuola Elementare di San Girolamo, via Ville

Scuola Elementare di San Martino, via delle Ville 17

Ex nido d’infanzia Pollicino, via A. Costa

Nido d’infanzia Iride, via Rosario, Pieve

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura