La natura? bellezza tangibile, straordinariamente materiale

Stampa articolo Stampa articolo

Giovedì 1 settembre, nella chiesa parrocchiale di Gazzata (unità pastorale “Maria Regina della Famiglia”), si è svolta la veglia diocesana in occasione della 11ª Giornata per la salvaguardia del creato che ha avuto per tema “La misericordia del Signore, per ogni essere vivente”, presieduta da don Roberto Maier, docente di Teologia presso l’Università Cattolica di Piacenza (Facoltà di Agraria).
La veglia è stata pensata e strutturata con testi della Bibbia e del Magistero più recente, alternati con canoni per favorirne l’interiorizzazione; successivamente è stata caratterizzata da un paio di testimonianze, la prima di Alessandra Ruozzi, che con un gruppo di ragazzi di 15-16 anni dell’unità pastorale di San Martino in Rio ha partecipato al pellegrinaggio Assisi-Roma a piedi in agosto, in 11 tappe di circa 20 km ciascuna. “è stata un’esperienza dura – ha raccontato – perché ci si svegliava presto e si camminava tutto il giorno sotto il sole. Ne è valsa però la pena perché il faticare insieme ha unito il gruppo e si è avuta la possibilità di ammirare paesaggi stupendi della natura con i diversi colori dell’alba, del giorno e del tramonto”. È seguita poi la testimonianza di Giovanni Anceschi, della parrocchia di San Pellegrino a Reggio, che insieme a una settantina di giovani della sua unità pastorale ha vissuto la Gmg a Cracovia. Riprendendo l’Enciclica Laudato si’ di papa Francesco ha scoperto che “l’evento di Cracovia è in sintonia con l’appello a non trascurare le ricchezze culturali, artistiche e spirituali di tanti popoli. E questo è proprio quello che è successo in Polonia, con l’incontro di tanti giovani convenuti da tanti Paesi e tradizioni diverse, facendo toccare con mano l’esperienza bellissima della diversità e dell’incontro”.

MaierRoberto353

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana