L’Eucaristia sorgente della missione: 26° Congresso Eucaristico Nazionale

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 10 settembre 2016

Una fase nelle diocesi e una solo a Genova, con una delegazione reggiana

Dalla celebrazione alla vita
Messaggio dei vescovi per il CEN

Dal 15 al 18 settembre si celebrerà a Genova il XXVI Congresso Eucaristico Nazionale (CEN), sul tema “L’Eucaristia sorgente della missione: «Nella tua misericordia a tutti sei venuto incontro»”.
Questo importante appuntamento si colloca all’interno dell’anno giubilare, indetto da papa Francesco per invitare sia i singoli che le comunità ad aprirsi in modo più convinto e generoso al dono della misericordia di Dio, sorgente inesauribile di ogni rinnovamento personale e comunitario. Nella Bolla di indizione del Giubileo, Misericordiae vultus, Francesco afferma: “Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza” (n. 2).
In quest’anno giubilare, dobbiamo sperimentare la gioia che promana dalla misericordia di Dio, in modo che dia nuova freschezza alle nostre comunità, e nuovo slancio all’annuncio del Vangelo. Proprio l’Eucaristia, che rende presente per noi il dono pasquale della misericordia del Signore, ci spinge ad annunciarlo a tutti, conferendo alla Chiesa e a ogni fedele un più deciso impulso missionario.
Il Congresso Eucaristico e l’anno giubilare ci facciano vivere una rinnovata esperienza di Dio, che “esce” da se stesso per salvarci, e nell’Eucaristia ci si fa vicino, ci salva, e ci spinge a “uscire” noi stessi, per annunciarlo e farci prossimi ai fratelli.
Il programma delle giornatecongresso eucaristico

Nel programma balzano subito agli occhi le “differenze” rispetto alle altre edizioni: la durata si dimezza, da otto a quattro giorni; nessuna conferenza o tavola rotonda tra “esperti” ma spazio alle catechesi “pastorali” dei Vescovi al sabato mattina, in diverse chiese della Città; il primato dato alle celebrazioni e al culto eucaristico: due solenni processioni eucaristiche alla Cattedrale (la seconda, il sabato, con il passaggio della Porta Santa), l’adorazione eucaristica continuata dalle 21 alle 8 del mattino successivo per tre notti; l’adorazione eucaristica solenne all’aperto, nello spazio suggestivo del Porto Antico, il sabato pomeriggio.
Il sabato sera nessun evento “spettacolare” da diretta televisiva su Raiuno (come ad esempio avvenuto a Bologna e ad Ancona), ma una festa preparata dai giovani della Diocesi.

Ma la più grande novità è che il Congresso avrà due fasi: la prima, vissuta in tutte le Diocesi italiane (giovedì e venerdì), e un’altra celebrata solo a Genova (sabato e domenica). Nella giornata di venerdì emergerà il legame con l’Anno Santo in quanto in ogni Diocesi si compiranno alcune opere di misericordia e il pomeriggio a Genova ci saranno celebrazioni penitenziali in diverse chiese. Non si dimenticherà, poi, il recente Convegno Ecclesiale di Firenze, i cui contenuti saranno presentati dai Vescovi nelle catechesi del sabato.
Per la prima volta, almeno dai tempi di Paolo VI, il Papa non presiederà la Messa conclusiva ma, come per tutti gli altri Congressi Eucaristici Nazionali, papa Francesco ha nominato un suo inviato, nella persona dello stesso arcivescovo di Genova, il cardinale Angelo Bagnasco.
Giovedì 15 settembre
Inizio del Congresso in ogni Diocesi.
A Genova: arrivo dei delegati.
− ore 20.30 piazza Matteotti: santa Messa di inizio; segue Processione Eucaristica alla Cattedrale di San Lorenzo per la Benedizione;
− ore 23 chiesa di San Matteo: Adorazione Eucaristica (con turni) tutta la notte, sino alle ore 8 del mattino successivo.

venerdì 16 settembre
– ore 9 Cattedrale: Messa e Adorazione Eucaristica;
− ore 10.30/12.30 Opere di misericordia: alcune delegazioni si recheranno presso 25 luoghi;
− ore 16/18 in alcune chiese cittadine: Celebrazione penitenziale;
− ore 20.30 Teatro Carlo Felice: Concerto offerto alle Delegazioni dal Teatro stesso;
− ore 21 chiesa di San Matteo: Adorazione (con turni) tutta la notte, sino alle ore 8 del mattino successivo.
sabato 17 settembre
− ore Cattedrale: Messa e Adorazione Eucaristica;
− ore 11 Percorsi storico religiosi nel Centro storico, offerti alle Delegazioni;
− ore 14.30 Catechesi svolte dai Vescovi nelle chiese del Centro;
− ore 17 Porto Antico: adorazione solenne e Benedizione Eucaristica;
− ore 18 Processione Eucaristica alla Cattedrale; parteciperanno i Vescovi italiani che, insieme ai fedeli, varcheranno la Porta Santa (Portone Centrale);
− ore 21 piazza Matteotti: serata preparata dai giovani per tutti;
− ore 21 chiesa di San Matteo: Adorazione Eucaristica (con turni) tutta la notte, sino alle ore 8 del mattino successivo.

domenica 18 settembre
− ore 9 dalla chiesa dei Servi a piazzale Kennedy: Processione delle Confraternite liguri con le Bande musicali.
− ore 10.30 piazzale Kennedy: Messa conclusiva.

La delegazione della nostra Chiesa
La delegazione della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, inviata dal Vescovo Massimo al CEN di Genova:
– don Edoardo Ruina, vicario episcopale per la liturgia e i sacramenti;
– don Guerrino Franzoni, parroco in solidum nelle unità pastorali di Reggiolo e Villarotta;
– Lucia Cani, di Reggiolo, consacrata nell’Ordo virginum;
– Paolo Lusvardi, seminarista di Rio Saliceto;
– Bernardo Marconi, seminarista di Taneto.

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana