Castelnovo ne’ Monti: ORATORIO, ci abbiamo creduto e ci crediamo

Stampa articolo Stampa articolo

Progetto a lungo coltivato. Sabato l’inaugurazione col Vescovo

È la fine anni Settanta-inizio anni Ottanta, a Castelnovo ne’ Monti: la partecipazione alla vita della chiesa è tanta. In centro al paese è stata costruita la chiesa della Risurrezione, per poter essere facilmente accessibile ai ragazzi. Resta uno spazio sul piazzale davanti che dovrebbe ospitare un teatro e la canonica: dovrebbe ospitare, insieme a quanto già costruito sotto la chiesa stessa, le strutture che servono ai ragazzi e ai giovani: si sogna un oratorio!
Intanto si ristruttura in via 1° Maggio, sotto la canonica, uno spazio che possa accogliere i giovani e sotto queste stanze un campetto per pallavolo e calcio. Molto angusto ma quasi sempre pieno e utilizzato da tanti. è don Gianni Manfredini, inviato in montagna per curare la pastorale giovanile, l’anima dell’oratorio che nasce e viene dedicato a san Giovanni Bosco. Per anni svolge la sua funzione educativa coinvolgendo nella gestione tante famiglie che si alternano per custodire la struttura.

I tempi però stanno cambiando, gli spostamenti sono più facili, i giovani si muovono da tutta la montagna e si conoscono perché a Castelnovo il polo scolastico delle secondarie superiori permette loro di incontrarsi giornalmente. Don Gianni, attento a questi cambiamenti, si interroga su modi nuovi di fare pastorale tra i giovani ed è li che al biennio teologico pastorale, che ogni anno prende corpo a Castelnovo coinvolgendo persone da tutta la montagna, si cercano strade nuove per la pastorale giovanile ed è li che viene proposta una grande festa per raggiungere il maggior numero possibile di giovani da tutta la montagna.

Leggi tutto l’articolo di Mario Attolini su La Libertà del 10 settembre

DSC_0653

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana