Calendario liturgico: dal 5 all’8 settembre

Stampa articolo Stampa articolo

Lunedì 5 settembre – Prima memoria di Santa Teresa di Calcutta, «madre dei poveri»

La memoria di Madre Teresa (+ 5 settembre 1997), in comunione con le chiese sorelle dell’Albania e del Kosovo e le Chiese sorelle dell’India, era già celebrata nella nostra Cattedrale. Quest’anno la gioia della memoria si moltiplica e diventa rendimento di grazie per la canonizzazione avvenuta il giorno precedente! Ricordiamo la sintetica quanto efficace annotazione sulla nuova Santa che si trova il 5 settembre nel Martirologio Romano, promulgato da san Giovanni Paolo II: «A Calcutta in India, Teresa (Agnese) Gonhxa Bojaxhiu, vergine, che, nata in Albania, estinse la sete di Cristo abbandonato sulla croce con la sua immensa carità verso i fratelli più poveri e istituì le Congregazioni delle Missionarie e dei Missionari della Carità al pieno servizio dei malati e dei diseredati». Per celebrare la memoria si prendono intanto le orazioni dal comune dei Santi della Carità, confidando che la Congregazione del Culto la inserisca subito tra le Sante e i Santi del Messale (anche se per alcuni anni, immagino, solo come memoria facoltativa) e formuli una bella e appropriata colletta (l’orazione di apertura della Messa).

In Diocesi, l’Unità pastorale delle parrocchie di Pieve Modolena – Roncocesi – San Pio X e Cavazzoli, intitolata dal 2009 alla Madre dei poveri, da oggi potrà chiamarsi Unità Pastorale «Santa Teresa di Calcutta». Anche la Cattedrale della nostra Diocesi sorella di Sapa, in Albania, inaugurata il 6 settembre 2008, è intitolata alla nuova Santa. Inoltre preghiamo oggi per la Cooperativa sociale “Madre Teresa” nata come espressione attiva del Movimento per la Vita e del Centro di Aiuto per la Vita, e che a Rivalta ha intitolato alla nuova Santa la Casa di accoglienza per donne con bambini, “primogenita” di altre case in Diocesi.

Vaticano, 4 settembre 2016. Papa Francesco presiede la Messa di Canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta

Vaticano, 4 settembre 2016.
Papa Francesco presiede la Messa di Canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta

Martedì 6 settembre

A Laç – Vau Dejës, nuova sede vescovile dell’antica Diocesi albanese di Sapa (dove siamo presenti con una nostra missione fidei donum), si festeggia oggi l’ottavo anniversario della Dedicazione della nuova Cattedrale (come detto, intitolata a Madre Teresa di Calcutta e dove nell’altare furono poste alcune reliquie anche dei nostri Santi Crisanto e Daria); si festeggia inoltre il quarto anniversario dell’apertura della prima Casa della Carità in Albania, costruita a fianco della parrocchia della Cattedrale. Ricordiamo che la diocesi di Sapa è “orfana” del giovane vescovo Lucjan, amico della nostra Diocesi, morto dopo breve e dolorosa malattia, il 22 maggio scorso, domenica della Santissima Trinità.

Per curiosità: un agiografo italiano del 1600, in un suo Catalogo generale dei Santi annoverava una certa santa Consolata, martire del III secolo, venerata il giorno 6 settembre nella Cattedrale di Reggio Emilia e in un’altra chiesa della nostra Diocesi, a lei intitolata. Ma autori reggiani sia precedenti sia successivi a questo agiografo Ferrari, non hanno mai parlato di questa santa Consolata! Mistero che scopriremo in Paradiso… Mentre il Martirologio Romano oggi fa sicuramente memoria di due personaggi biblici: San Zaccaria, profeta del VI secolo a.C., e Sant’Onesiforo, «che spesso ristorò san Paolo Apostolo a Efeso e non ebbe vergogna delle sue catene, ma recatosi a Roma lo cercò con sollecitudine e lo trovò».

 

Mercoledì 7 settembre

Santi del giorno. Così recita al 7 settembre il nuovo Martirologio Romano: «A Parma, beata Eugenia Picco, vergine della Congregazione delle Piccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, che, tutta votata alla volontà di Dio, promosse la dignità delle donne e provvide alla formazione spirituale e culturale delle religiose.». La nostra Chiesa è molto legata a questa Congregazione della 15-Angeli-e-Figurebeata Eugenia, rimasta ormai solo a Scandiano e a Casina-Carpineti. Una memoria dunque che si può valorizzare.

 

Giovedì 8 settembre – Festa della Natività della Beata Vergine Maria

In Diocesi sono intitolati alla Natività di Maria [o a Santa Maria Nascente] il Santuario diocesano della Ghiara, i Santuari della Madonna della Pietra a Bismantova, della Madonna dell’Olmo a Montecchio e ben 9 parrocchie: Albinea Alta (titolare con San Prospero V.), Borzano d’Albinea, Brescello (titolare con San Genesio V.), Gazzata di S. Martino in Rio, Madonna di Sotto a Sassuolo, Pianzano di Carpineti, Pratofontana (Reggio Emilia), Scandiano centro e Taneto.

* Nel Santuario della Ghiara, alle 11 il tradizionale Pontificale presieduto dal Vescovo, animato dal Coro diocesano, presenti le Autorità cittadine e provinciali. Tutta la Diocesi — presbiteri, diaconi, religiosi e religiose, seminaristi, laici impegnati — è convocata alla solenne concelebrazione per l’apertura del nuovo Anno pastorale dal titolo «A servizio della comunione nella Chiesa», affidandolo all’intercessione della nostra Patrona, la Madonna della Ghiara; in particolare, il Vescovo Massimo, come i due anni precedenti, vuole avere al suo fianco i sacerdoti che si sono resi disponibili al servizio delle nuove Unità pastorali.

* Nel Santuario della Ghiara, la Messa delle 18.30, che conclude la Giareda, sarà presieduta dal vescovo emerito, mons. Adriano Caprioli.

Santi dell’8 settembre. In genere, coloro che portano i nomi Adriano e Sergio, festeggiano oggi i loro onomastici (non il nostro vescovo emerito, la cui madre, mettendogli quel nome, aveva scelto il santo Adriano festeggiato l’8 luglio!), in memoria rispettivamente di sant’Adriano martire (insieme alla moglie santa Natalia, in Bitinia, attuale Turchia, nel IV secolo) e di san Sergio I Papa (di famiglia siriana, ma nato a Palermo e morto nel 701, fu grande uomo di pace e di riconciliazione). L’8 settembre è il giorno della nascita al cielo del beato francese Federico Ozanam, padre di famiglia (Milano, 23 aprile 1813 – Marsiglia, Francia, 8 settembre 1853), fondatore della Società di San Vincenzo, esempio di santità laicale e di carità per questo Giubileo della misericordia. È stato proclamato beato da Giovanni Paolo II a Parigi il 27 agosto 1997, durante la Giornata Mondiale della Gioventù.

* L’8 settembre si celebra la Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione (istituita dall’ONU-UNESCO nel 1972).

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana