Terremoto: Fism, solidarietà alle popolazioni colpite e raccolta fondi

Stampa articolo Stampa articolo

La Federazione italiana scuole materne (Fism) nazionale esprime la sua solidarietà e si unisce all’abbraccio che tutto il Paese ha rivolto alle famiglie colpite dal terremoto. “Ci vorrà molto tempo per la ricostruzione strutturale; ma la priorità – sostiene la Fism in un comunicato – non potrà che essere orientata alla ricostruzione della comunità e all’attivazione/ripresa del servizio delle scuole dell’infanzia per tutti i bambini in età, con particolare attenzione a quelli che hanno vissuto drammaticamente l’evento dei ripetuti sismi”. La Federazione, come già accaduto in occasione del sisma de L’Aquila e di quello dell’Emilia, “metterà in campo una stretta ed operosa collaborazione tra i livelli nazionale, regionale e provinciale, per individuare bisogni immediati e prospettive di intervento, soprattutto con riferimento alle ‘nostre’ scuole colpite e alle bambine e ai bambini di quei territori”. Di qui l’invito alle scuole Fism, “in questa primissima fase”, a “testimoniare la propria solidarietà inviando contributi direttamente alla Fism nazionale”, utilizzando il conto corrente bancario IT 71 C 03002 05205 000005446325 Unicredit Banca di Roma – Agenzia di Roma Torre Argentina – L.go Torre Argentina 6 – ROMA, o il conto corrente postale 82631003 intestato a Fism – Via della Pigna 13/A – 00186 Roma esplicitando la causale  “Terremoto”. Sarà premura della segreteria nazionale coordinare le possibili future iniziative, dandone notizia a tutte le scuole associate.

Fonte: www.agensir.it

People eat under a tent in Sant' Angelo, near Amatrice, on August 26, 2016, two days after a 6.2-magnitude earthquake struck the region killing some 267 people. An increasingly forlorn search for victims of the earthquake that brought carnage to central Italy entered a third day on August 26, 2016 as a day of mourning was declared for victims of a disaster that has claimed at least 267 lives. Releasing the new confirmed death toll, Immacolata Postiglione, head of the Civil Protection agency's emergency unit, indicated there had been no survivors found overnight in any of the remote mountain villages devastated by August 24's powerful pre-dawn quake. At least 367 people have been hospitalised with injuries but no one has been pulled alive from the piles of collapsed masonry since August 24 evening.  / AFP PHOTO / MARIO LAPORTA

Pubblicato in Articoli, Associazioni