Canossa, gli incassi del Castello per le popolazioni del Centro Italia

Stampa articolo Stampa articolo

Anche il Castello di Canossa –  di proprietà statale, ma affidato in gestione alla Provincia di Reggio Emilia in collaborazione con Archeosistemi – devolverà l’intero incasso della giornata di domenica 28 agosto alle popolazioni terremotate del Centro Italia. “Condividiamo in pieno l’iniziativa del ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e rilanciamo l’invito a tutti i reggiani ad andare domenica in segno di solidarietà nei musei, nei loro eventuali luoghi di vacanza o, appunto, al Castello di Canossa e al museo “Naborre Campanini”, che ospita reperti di epoca matildica provenienti dagli scavi eseguiti alla fine del 1800”, dichiara il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi.

Canossa_Rupe_del_Castello_di_Canossa-1

Analogo appello viene lanciato da Luca Bolondi e Maria Elena Salsi, sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Canossa, che a sua volta devolverà gli incassi di domenica della Torre di Rossenella: “In tanti hanno già visitato questi monumenti storici matildici, ma quella di domenica è un’occasione diversa, un’opportunità unica per tornare a visitarli, e quindi rivolgiamo un appello a tutti perché approfittino dell’ultima domenica di agosto per compiere un importante gesto di solidarietà attraverso la fruizione dei nostri beni culturali – dicono – Il ricordo dell’Emilia ferita è ancora ben vivo in noi e non ci lascia indifferenti dinnanzi alla tragedia che tanti italiani stanno ora vivendo e siamo certi che anche la comunità di Canossa, estremamente attiva sul fronte dell’associazionismo e del volontariato, domenica farà la sua parte“.

Domenica 28 agosto il Castello di Canossa ed il Museo nazionale “Naborre Campanini” saranno aperti dalle 9 alle ore 12.30 e dalle 15 alle 19 – e la Torre di Rossenella dalle ore 15 alle 19 – con visite guidate svolte dalla Cooperativa AR/S Archeosistemi.

Gli incassi di domenica di Castello di Canossa e Torre di Rossenella saranno versati sul conto-corrente intestato a “La Provincia di Reggio Emilia per le emergenze e la solidarietà“, attivato già mercoledì da Palazzo Allende presso la filiale Unicredit di via Emilia Santo Stefano 18/e. Il conto – aperto alle donazioni di enti pubblici, associazioni, cittadini  – ha le seguenti coordinate Iban:  IT 12 I 02008 12800 000100658213. Nella causale è necessario indicare “Terremoto Centro Italia 2016“:  le somme versate saranno destinate nella massima trasparenza a  progetti di assistenza e ricostruzione, concreti e tangibili, seguiti direttamente dalla Provincia di Reggio Emilia.

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura