Calendario diocesano fino al 31 agosto

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 27 agosto – Memoria di santa Monica

La memoria di santa Monica (331-387), mamma di sant’Agostino, è celebrata concordemente da quasi tutte le confessioni cristiane in questo giorno. Nelle Litanie dei Santi del “nuovo” Rito del Matrimonio in Italia (2004) è invocata come patrona delle spose e delle madri cristiane. In quanto sabato, la memoria quest’anno è limitata solo alla Liturgia delle Ore e alle Messe celebrate al mattino.

Tra i Santi di questo giorno, si segnalano due vescovi, di cui diversi scritti sono riportati nell’Ufficio di Lettura della Liturgia delle Ore: il monaco san Cesario d’Arles (+ 27 agosto 543), famoso per i suoi Sermoni, potrebbe essere invocato quale patrono dei predicatori! Come sant’Ambrogio e altri santi pastori, soccorse i poveri vendendo i tesori della Chiesa. L’altro vescovo è sant’Amedeo di Losanna (+ 27 agosto 1159), considerato un assertore dell’assunzione di Maria.

* Oltre alla festa del nome Monica, oggi si festeggia l’onomastico di chi porta il nome Guerrino, nel ricordo di san Guarino (Guerrino), monaco a Molesme al tempo di san Roberto e vescovo di Sion presso Nancy (+ 27 agosto 1150).

 

Domenica 28 agosto: XXII Domenica del Tempo Ordinario

Quest’anno si omette la memoria di sant’Agostino, vescovo e dottore della Chiesa, tranne che nella parrocchia cittadina a lui intitolata.

* Ricordiamo comunque che, come per la madre Monica, pure la memoria del santo vescovo d’Ippona, Agostino (354-430), è memoria ecumenica, essendo celebrata concordemente il 28 agosto da tutte le confessioni cristiane (esclusi solo i copti e gli etiopici), con vari titoli che indicano l’importanza di questa figura per la Chiesa non solo dei primi secoli, ma di sempre: padre della Chiesa, maestro della fede, dottore della Chiesa, dottore universale.

* Nel calendario dei Santi, oggi si ricorda un personaggio biblico: sant’Ezechia, re di Giuda (dal 721 circa al 693 a. C.), la cui nascita fu profetizzata da Isaia (il famoso oracolo al capitolo 7, divenuto profezia della nascita del Messia da una vergine); fu promotore di una grande riforma religiosa, tanto da essere considerato il più retto dei discendenti davidici.

* Si ricorda anche il “nuovo” Santo — fortemente “voluto” da Papa Francesco e da lui stesso canonizzato, durante il viaggio negli Stati Uniti, la fine di settembre dello scorso anno — san Junipero (Ginepro) Serra (1713-84), sacerdote francescano spagnolo, missionario in Messico e fra le popolazioni americane della California.

Uno

Lunedì 29 agosto – Memoria del martirio di san Giovanni Battista

La celebrazione odierna, che nella Chiesa latina ha origini antiche (in Francia nel sec. V e a Roma nel sec. VI), è legata alla dedicazione della chiesa costruita a Sebaste in Samaria, sul presunto sepolcro del precursore di Cristo. Col nome di “Passio” o di “Decollatio” la festa compare già alla data del 29 agosto nei Sacramentari romani e, secondo il Martirologio Romano, tale data corrisponderebbe al secondo ritrovamento della testa di S. Giovanni Battista, trasportata in quell’occasione nella chiesa di S. Silvestro a Campo Marzio, in Roma.

Oggi è il giorno del martirio della “Maria Goretti” piemontese, la beata Teresa Bracco (1924-1944), che, lavoratrice nei campi, devotissima di san Domenico Savio, morì percossa dai soldati tedeschi per aver difeso strenuamente la propria castità.

Canonizzata da Papa Francesco il 23 novembre 2014, oggi si ricorda anche santa Eufrasia del Sacro Cuore di Gesù (Rosa Eluvathingal), suora carmelitana dell’India (1877-1952). Per la sua vita di unione con Dio, la gente le diede il soprannome di “Madre orante”. Si ricorda pure il beato Flaviano Michele Melki (1858-1915), vescovo siro-cattolico, martire del “Genocidio assiro”, ucciso a Djézireh, nell’attuale Turchia, durante i massacri perpetrati ai danni degli armeni e di altri cristiani, su istigazione dei “Giovani Turchi”. La beatificazione si è svolta il 29 agosto 2015, a cent’anni esatti dalla sua uccisione, presso il convento di Nostra Signora della Liberazione ad Harissa, in Libano.

 

Martedì 30 agosto

Il 30 agosto è il giorno della nascita al cielo del beato Alfredo Ildefonso Schuster, monaco benedettino, abate di San Paolo fuori le Mura, creato cardinale da Pio XI e arcivescovo di Milano dal 1929 al 1954.

Si celebra in India la ‘Giornata dei Martiri dell’Orissa’, per ricordare il sacrificio di oltre 100 persone che hanno perso la vita durante i massacri anticristiani nel 2007 e 2008 in quella Regione.

 

Mercoledì 31 agosto

Nel calendario dei Santi, al 31 agosto si segnalano due personaggi evangelici: san Giuseppe d’Arimatea e san Nicodemo, discepoli del Signore, che coraggiosamente provvidero alla sepoltura del corpo di Gesù presso il Calvario (nel sepolcro nuovo di proprietà di Giuseppe d’Arimatea).

Si ricorda il Venerabile Servo di Dio Marcello Candia (+ 31 agosto 1983 a Milano), medico missionario italiano, modello di carità, di cui il mese scorso (27 luglio) ricorreva il centenario della nascita; venduta la sua fabbrica, si trasferì in Brasile, dove realizzò un grande ospedale a Macapà e un lebbrosario a Marituba. Un suo messaggio: “Non si può condividere il Pane del cielo, se non si condivide il pane della terra”.

* Si ricorda nella preghiera il quarto anniversario della morte del Cardinale Carlo Maria Martini, sj, arcivescovo di Milano dal 1979 al 2002.

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana