Mauro Severi (Unindustria) commenta l’economia reggiana

Stampa articolo Stampa articolo

L’indagine congiunturale condotta dall’Ufficio Studi di Unindustria Reggio Emilia sull’andamento dell’economia reggiana evidenzia, in coerenza con il quadro nazionale, un rallentamento della produzione industriale (-1,0%) relativamente al secondo trimestre dell’anno (aprile-giugno 2016).

L’andamento della produzione si associa ai risultati negativi degli ordinativi complessivi -1,3%, mentre sono in calo anche i nuovi ordini dall’estero -1,6%.

In diminuzione anche i ricavi: -1,5% del fatturato complessivo, principalmente per una flessione delle vendite sul mercato interno, scese del 3,5%, sostanzialmente stabili quelle all’estero (+0,2%).

“La risalita della produzione industriale, già molto disomogenea tra settori e quindi poco solida, ha subito una nuova battuta d’arresto nel secondo trimestre e, di conseguenza, costringe a rivedere al ribasso le aspettative di crescita complessiva dice il presidente di Unindustria Mauro Severi L’andamento si spiega in gran parte con l’incertezza dominante dell’attuale scenario economico internazionale: sono purtroppo sotto gli occhi di tutti una serie di fattori di concreta o potenziale criticità, che vanno dagli attacchi terroristici, alla debolezza dell’UE, alla crisi migratoria, al fallito golpe turco, fino al prossimo appuntamento elettorale americano. Un mix di elementi – chiude Severi – che contribuisce a deprimere la domanda, nonostante a livello globale alcune economie, gli stessi USA,  diano segnali positivi.”

severi_1

Ci sono però anche elementi di positività: sul fronte lavoro a Reggio Emilia prosegue il recupero dell’occupazione (+1,9% rispetto allo stesso periodo del 2015).

“Nel mercato del lavoro – commenta ancora Severi –  l’aumento dell’occupazione ora non riguarda più solo le forme contrattuali incentivate: un segnale importante di consolidamento dei progressi avviati ormai da oltre due anni, ma anche un segnale di responsabilità e fiducia da parte degli imprenditori”.

Le prospettive per i prossimi mesi restano però incerte, sempre a motivo dell’opacità del quadro globale e di alcuni fattori interni quali le vicende bancarie legate ai crediti deteriorati e l’esito della consultazione referendaria.

L’imprenditore è ottimista per natura; certo ora, più che la ripresa, pare consolidarsi l’incertezza. Veniamo da una fase recessiva che dura da molti anni e dobbiamo riuscire a portare a termine le riforme del Paese, perché la fiducia va sostenuta al meglio sia in termini di politica economica sia in termini istituzionali” – ha concluso Severi.

Pubblicato in Articoli, Associazioni