Dalla Sierra Leone è Mariama la prossima protagonista a “Mundus”

Stampa articolo Stampa articolo

Un’artista libera, ispirata e sensibile. Una voce straordinaria per un viaggio musicale dalle emozioni intense. Momenti che dimentichiamo, momenti di disillusione, momenti d’amore, momenti di malinconia… Momenti come questi.

Si intitola appunto “Moments Like These” il concerto della straordinaria cantante e cantautrice originaria della Sierra Leone Mariama in programma mercoledì 3 agosto alle ore 21.30 a Correggio nella suggestiva cornice del Cortile del Palazzo dei Principi . L’evento – biglietto d’ingresso al costo di 2 euro – è la tredicesima tappa della 21esima edizione della notissima rassegna musicale “Mundus” organizzata da ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna in collaborazione con la Regione Emilia Romagna e tutti i Comuni partecipanti, che si svolge dal 7 luglio al 15 agosto tra Reggio Emilia, Casalgrande, Correggio, Scandiano e Carpi.

Germania, Sierra Leone, Guinea, Francia, Repubblica Ceca e Norvegia: seguire le tracce delle origini di Mariama significa partire per un lungo viaggio intorno al mondo. Ed ascoltarla è come viaggiare. La sua voce ha la forza delle voci dell’Africa occidentale, la stessa dolcezza e chiarezza per le quali è stato inventato il lied, tempo fa in Germania. Dalla sua voce si avverte l’eco delle dive del jazz, della profondità spirituale del reggae e del soul old school.

Mariama

Mariama inizia la sua carriera in Germania prima di intraprendere nel 2010 il progetto «Diversidad European Urban Experience». Pubblica in seguito il suo primo album da solista «The Easy Way Out» nel 2012. A cui seguono altre pubblicazioni che mettono in evidenza il suo talento di cantante e cantautrice.

Stabilitasi a Parigi, dopo il suo album di debutto, Mariama ritorna ad interpretare atmosfere più intime attingendo alla tradizione di quei cantautori che sanno esprimere le emozioni dell’anima con semplici parole più di quanto non sia in grado di fare un’orchestra intera.  Il tocco leggero delle sue mani sa far vibrare le corde più intime di una chitarra, le sue canzoni e la sua voce le rendono vive: c’è tutto il suo groove in «Moments Like These». Le sue canzoni sanno esprimere la tenerezza della consolazione, la luce delle primavere radiose, il calore del sole del meriggio.

Nei suoi concerti si esibisce accompagnata solo da Abdoulaye Kouyaté, figlio del direttore d’orchestra di Miriam Makeba, virtuoso di chitarra a sei corde: la leggendaria Kora. Grazie alla loro sintonia artistica, il duo esegue i brani musicali con grande intimità suscitando emozioni forti e profonde. Ogni brano è naturale e delicato. In nessuno di essi è stata utilizzata una batteria, effetti o strumenti elettronici, proprio per non alterarne la forma o la freschezza. Le emozioni di Mariama sono tutte espresse nel suo disco, dove la grazia e la gentilezza dell’interpretazione ci trasportano in un’atmosfera senza tempo.

La tappa successiva di Festival Mundus sarà quella con “EnnEnne” il concerto della nota band italiana Almamegretta previsto per sabato 6 agosto alle ore 21.30 a Carpi nella incantevole cornice di Piazzale Re Astolfo in centro storico a Carpi. Ingresso libero.

Per informazioni visitare il sito internet www.festivalmundus.it e la pagina Facebook ‘Festival Mundus’, o inviare una mail a mundus@ater.emr.it

Pubblicato in Archivio