Cinema sotto le stelle: grande successo in piazza Prampolini

Stampa articolo Stampa articolo

Sono stati oltre 700 i presenti che ieri sera si sono accomodati davanti al maxischermo allestito in piazza Prampolini per assistere alla proiezione di The Big Lebowski, film cult dei fratelli Coen, nell’ambito della rassegna Cinema sotto le stelle.

Ancora una volta il Cinema in piazza si riconferma un appuntamento caro ai reggiani, che hanno partecipato numerosi alle prime tre proiezioni organizzate dal servizio Cinema del Comune di Reggio Emilia . Ieri sera l’afflusso di persone è andato ben oltre le aspettative e le 500 sedute presenti non sono state sufficienti ad accogliere tutto il pubblico, che ha affollato anche il plateatico e i gradini del Duomo. Tutti incollati a seguire le avventure dell’indolente Jeff Lebowski, il Drugo, anti-eroe per eccellenza, protagonista di una storia paradossale che regala una parodia deformante e ironica della società.

'Grande-lebowski'-in-piazza-Prampolini_2

Il prossimo appuntamento di Cinema sotto le stelle è previsto per martedì 26 luglio, sempre in piazza Prampolini alle 21.30, con la visione di un film diventato un classico della cinematografia italiana, ‘L’Armata Brancaleone‘ di Mario Monicelli.

L’ARMATA BRANCALEONE di M. Monicelli (1966) 120′ – per gentile concessione di Titanus

Brancaleone da Norcia (V. Gassman), tanto straccione quanto magniloquente, sta per partecipare a un torneo. Qui viene avvicinato da un gruppetto di miserabili in possesso di una pergamena che assicura al cavaliere che la detiene il feudo di Aurocastro. Strada facendo incontrano il bizantino Teofilatto, occupano un paese dove imperversa la peste, salvano una stravagante promessa sposa. Giunti alla meta, vengono assaliti dai Saraceni… La spiritosa reinvenzione di un linguaggio aulico, il gioioso impegno degli interpreti e la brillante conduzione registica danno vita a un’ottima commedia di notevole intelligenza. Un autentico capolavoro del cinema popolare italiano, scritto da Monicelli con Age e Scarpelli che compie cinquantanni e non li dimostra!

Martedì 2 agosto ore 21,30

AMERICAN GRAFFITI di G. Lucas (1973) 110′

Siamo negli anni Sessanta. John Miller, Terry Fields, Steve Bilander e Curt Menderson sono quattro amici arrivati al confine tra l’adolescenza e la vera giovinezza. Il pensiero più importante per loro è di avere una ragazza di sera. Tra spavalderia, entusiasmo di vivere, maturità millantata e ben più sincera goffaggine, le loro aspettative e le loro insicurezze vengono collaudate da una serie di situazioni che trovano il loro coronamento nel più classico dei duelli automobilistici. George Lucas inaugura un filone di fondamentale importanza nel cinema americano degli anni successivi. Mitica colonna sonora.

Martedì 9 agosto ore 21,30 (in Arena Ex Stalloni)

'Grande-lebowski'-in-piazza-Prampolini_3

‘Grande Lebowski’ in piazza Prampolini

LE VACANZE DI MR HULOT di J. Tati (1953) 96′

A bordo della sua vecchia automobile, Hulot parte per le sospirate vacanze al mare di Bretagna; incurante dei commenti della gente che incontra per strada, arriva finalmente a destinazione. La pensione a gestione familiare è piena di clienti (una ragazza che fa strage di cuori, un uomo d’affari che non riesce a non pensare al lavoro, bambini che giocano, un comandante dell’esercito che crede di avere a che fare con i suoi sottoposti). Suo malgrado, Hulot mette tutti in subbuglio. Stralunata comicità “muta” per il secondo lungometraggio di Tati, con momenti assolutamente geniali (uno per tutti: gli annunci dell’altoparlante alla stazione).

Martedì 16 agosto ore 21,30 (in Arena Ex Stalloni)

UN AMERICANO A PARIGI di V. Minnelli (1951) 115′

Sessant’anni anni dopo la sua realizzazione, Un Americano a Parigi ha conservato la sua forza e la sua bellezza restando un fiore all’occhiello della commedia musical. Uno dei più bei musical della storia del cinema. Tutto si svolge nella Parigi del primo dopoguerra. Il protagonista, che si chiama Jerry Mulligan, come un grande jazzista, arriva a Parigi per trovare la radice più profonda del suo amore per la pittura. Lì incontra una ragazza, bella e povera, che preferisce a una ricca ereditiera. Ma la storia, in questo caso, è un puro pretesto. La vera protagonista del film è una Parigi impressionista, colori da pittura e atmosfera da sogno

In caso di maltempo le proiezioni verranno annullate.

Per informazioni: Sandra Campanini – Responsabile Ufficio Cinema – 0522-456632

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura