REstate 2016. Festa nei quartieri – Ultimo weekend al Quartiere Foscato

Stampa articolo Stampa articolo

Si avvia alla conclusione la rassegna REstate 2016. Festa nei quartieri, che, dopo aver fatto ballare ed emozionare con concerti e spettacoli teatrali il pubblico del Padiglione Lombroso e il quartiere Rosta Nuova, arriva in P.za Lino Grossi, al Quartiere Foscato, per l’ultimo weekend di eventi.

Venerdì 15 alle ore 20:30, le prime a salire sul palco saranno le ragazze dell’Improvviso Trio, formato da Ilaria Taddei, Sofia Fornaciari e Irene Fossile, che interpreteranno i più grandi successi italiani e internazionali attraverso arrangiamenti originali e unici.

Alle 21:30 sarà la volta degli Honolulu Swing, band emiliana nata dall’incontro di alcuni musicisti accomunati dalla passione per la musica manouche (detta anche ‘gipsy jazz’). Questo termine ha iniziato a definire un vero e proprio genere musicale da quando negli anni ‘30 un manouche di nome Django Reinhardt, con il suo Le Quintette du Hot Club de France, mescolando le tradizioni musicali della sua gente con i primi echi della musica afroamericana diede vita a quello che è considerato il primo jazz europeo. Una musica caratterizzata dal virtuosismo delle improvvisazioni degli strumenti solisti, in origine chitarra e violino, e da una solida sezione ritmica (la pompe) di due chitarre e contrabbasso.
Gli Honolulu Swing sono Lorenzo Vuolo (chitarra solista), Carlo Montanari (chitarra ritmiche), Luca Pitalobi (contrabbasso) e Gabriele Merli (saxofono), quartetto che inserisce proprio il saxofono soprano al posto del più classico violino, contaminando quindi il genere musicale tradizionale con delle sonorità più moderne. Il gruppo propone una serie di brani originali oltre ai classici appartenenti al repertorio di Django e dei più famosi chitarristi manouche. Nel 2012 è uscito il primo album autoprodotto ‘Honolulu Swing’, con la partecipazione del violinista irlandese Column Petit.

honolulu

Honolulu Swing

Il giorno seguente, sabato 16 luglio alle 21:30, il surreale, divertentissimo e poetico spettacolo “La riscossa del clown”, della compagnia Madame Rebiné, animerà la piazza per grandi e piccini. Dopo novant’anni di sfortuna, delusione e scivoloni un vecchio clown torna a cavallo della sua sedia a rotelle per farsi giustizia. Sarà un’impresa impossibile dove renne acrobate, giocolieri miopi e mosche assassine cercheranno di impedirglielo. A colpi di naso rosso farà occhi neri e lotterà fino all’ultimo respiro per difendere la sua dignità. Se ci riuscirà sarà solo grazie al sostegno degli spettatori. Uno spettacolo di circo e teatro al servizio della leggerezza e del divertimento. Un cabaret alla riscossa in un cui il clown trionfa!

La riscossa del clown nasce dal desiderio di tornare a sperare in un mondo che possa trasformarsi
e in cui grazie all’impegno e alla partecipazione anche i clown possano vincere! Tutto ciò al servizio di uno spettacolo comico in cui all’arte circense si unisce la spontaneità degli attori. Sono utilizzate tecniche di giocoleria, beat-box, rumorismo, commedia dell’arte, mimo, acrobatica, clown, tip tap e roue Cyr.

La-riscossa-del-clown

La riscossa del clown

Entrambe le sere sarà attivo il punto ristoro del Centro Sociale Foscato.

La rassegna è realizzata con il contributo del Comune di Reggio Emilia, e in collaborazione con: Centro Sociale Orologio, Centro Sociale Rosta Nuova, Centro Sociale Foscato, Ass.ne Fucina Nefesh Restart, Ass.ne Sostegno e Zucchero, Ass.ne Assistenza Pubblica Volontari Val D’Enza Croce Arancione, Ass.ne 5T, Ass. ne via Wybicki Libera Associazione di cittadini, Fondazione Famiglia Sarzi, Ass.ne Dinamica APS. La direzione artistica e organizzativa del Progetto è del Centro Teatrale MaMiMò e di Olivier Manchion. Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura